Heraldrys Institute of Rome
Language Heraldrys Institute of Rome in Italiano Heraldrys Institute of Rome in English Heraldrys Institute of Rome em Português Heraldrys Institute of Rome auf Deutsche Heraldrys Institute of Rome en Español

Origine del cognome De Figlio, provenienza: Italia

Titolo: Baroni
Araldica della famiglia: De Figlio
Corona nobiliare De Figlio Un Pietro acquistò nel 1680 il feudo Granara; un Pietro acquistò il 23 giugno 1708 i feudi Signefari e Benischi, dei quali il primo fu da Anna Maria portato in casa Agnello e il secondo da un'Antonia in casa Pucci; un Ignazio, figlio di Pietro, a 13 marzo 1749 ottenne investitura del feudo Granara, del quale a 14 agosto 1798 venne investito Giovanni, fratello del precedente, e a 1 aprile 1802 Saverio, altro fratello di Ignazio. Con Decreto Ministeriale del 2 aprile 1899, il titolo di barone di Gramara venne riconosciuto in persona di Gaetano, di Carlo, di Pietro De... Continua

Figlio. Che i membri della famiglia De Figlio siano noncuranti delle cose volgari, ripromettendosi dalle sole loro energie la dovuta ricompensa, lo provano i documenti fino ad oggi conosciuti come il Dizionario Storico-Blasonico del commendatore G.B. di Crollalanza che ne ha raccolte le tracce lasciate dalla famiglia in quelle città ove ebbe dimora ricoprendo cariche legislative, militari o altro, contribuendo non poco alla riuscita di quei documenti utili alla scoperta di questa famiglia.


Compra un documento araldico su De Figlio

Stemma della famiglia: De Figlio

Blasone della famiglia

Di azzurro, all'alabero nodrito verso sinistra sulla pianura erbosa, il tutto al naturale, sostenuto da un leoncino d'oro, rivoltato, tenente una spada d'argento, posta in sbarra, attraversante il tronco dell'albero accompagnato, in capo, a sinistra, da una stella di otto raggi d'argento.
Compra una riproduzione dello Stemma

Heraldrys Institute of Rome on Facebook

Heraldrys Institute on Facebook
© 2016 - 2017 Heraldrys Institute of Rome