Heraldrys Institute of Rome
Language Heraldrys Institute of Rome in Italiano Heraldrys Institute of Rome in English Heraldrys Institute of Rome em Português Heraldrys Institute of Rome auf Deutsche Heraldrys Institute of Rome en Español

Herkunft des Familiennamens La Sala, Herkunftsland: Italia

Adelsstand: Nobili
Heraldik die Familie: La Sala
Krone des Adels La Sala Nel "Catalogo delle famiglie che ressero tra i secoli XI e XIII il consolato, la Credenza e le cariche supreme della repubblica tortonese" pubblicato nel volume "Monumenti dell'Archivio Capitolare della cattedrale di Tortona", il Bottazzi annovera quella dei Sale, olim La Sala, de Sale, de Salis, la cui preminenza era dovuta, oltre alle benemerenze citate, a vaste proprietà nel Tortonese e particolarmente nella terra di Sale, del cui borgo assunsero il nome dapprima come elemento di identificazione indi, e definitivamente, come patronimico. Un atto di vendita attesta la presenza di tale famiglia, sin dall'anno mille: "Franco de fu Pietro di... Fortsetzung folgt
Godio e la moglie Ildesinda del fu Alberto di S. il 21 maggio 993 vendono a Guiberto del fu Gosverto quanto detta Ildesinda possedeva in Sale; il 22 agosto 1150 Guglielmo La Sala e Luciana sua moglie donano a prete Bartolomeo pro salvezza delle anime loro, terreni in territorio di Sale; proprietà di Giovanni in Godio confinano con terre che Alcheroto del fu Fulcone il 15 maggio 1167 vende al monastero di Rivalta; Andrea La Sala affitta nel Vogherese terreni contestati al monastero di S. Maria del Senatore di Pavia dai fratelli Confalonieri come rilevasi da sentenza pronunciata in Pavia stessa il 23 agosto 1169, detto Andrea è teste in atto del 2 febbraio 1181 con il quale i coniugi Luppola vendono al monastero di cui sopra beni in Voghera presso la porta di S. Ilario ove è stato rogato l'istrumento". Auris La Sala è teste in un atto dll'11 febbraio 1184 con cui il prevosto della chiesa di S.Lorenzo in Tortona, stabilisce le condizioni per l'affitto di terreni in Godio, con chiesa annessa al monastero di Rivalta. Anselmo La Sala, credendario, il 29 gennaio 1191 delibera in merito ad un mutuo che il comune di Tortona contrae con Guarnerio Beccaria, proprietà di Anselmo presso il ponte si S. Giacomo. Altro credendario è Giovanni che, il 3 giugno 1197, stipulandosi il trattato di pace ed alleanza tra genovesi e tortonesi della durata di 29 anni, ne giura, con i consoli e la Credenza, l'osservanza; lo stesso il 7 luglio 1197 delibera in merito ad un mutuo che il comune di Tortona contrae con Boccardo Porco, in Pavia, per estinguere un debito contratto, citata dagli stessi canonici addivenuti poi a transazione. I cognomi così antichi, senza dubbio alcuno, rendono decoro non solo alle famiglie ma anche alle città che li hanno accolti; pare siano, infatti, molto riguardevoli i soggetti viventi di questa famiglia che, con tanto decoro, sostentano questo nobile cognome, che ha avuto vari soggetti illustri.

Kaufen Sie eine heraldische Dokument auf Familie La Sala

Familien-Wappen: La Sala

Blasonierung die Familie

D'oro, al leone di rosso, coronato del campo, tenente colle branche anteriori e colla posteriore destra una croce del Calvario dello stesso
Kaufen Familien-Wappen

Heraldrys Institute of Rome on Facebook

Heraldrys Institute on Facebook
© 2016 - 2017 Heraldrys Institute of Rome

Social Network

Heraldrys Institute on Facebook