Heraldrys Institute of Rome
Language Heraldrys Institute of Rome in Italiano Heraldrys Institute of Rome in English Heraldrys Institute of Rome em Português Heraldrys Institute of Rome auf Deutsche Heraldrys Institute of Rome en Español

Origem do sobrenome Martinengo Delle Palle, país de origem: Italia

Nobreza: Nobili - Conti - Patrizi
Heráldica da família: Martinengo Delle Palle
Coroa de nobreza Martinengo Delle Palle
Assai antico ed illustre casato veneziano, detto Martinengo Delle Palle o Martinengo Dalle Palle, il cui capostipite vuolsi sia quel Leonardo II (* 1440 ca - 1484), condottiero e figlio postumo secondogenito di quel Leonardo I, abbiatico di Prevosto, esponente della nobile famiglia Martinengo da Barco. Il predicato "Dalle Palle" o "Delle Palle" fu, infatti, dato a questo ramo dalla ubicazione del palazzo costruito sul "Campo" dove prima si faceva il gioco della palla. Da Leonardo II, che fu condottiero sotto la repubblica Veneta e che combattè nella guerra di Ferrara contro il Duca di Calabria nel 1483, e da... Continua
sua moglie Battistina, figlia naturale del celebre condottiero Gentile da Leonessa, la quale, inoltre, gli portò in eredità una porzione della Signoria di Sanguinetto, pervennero: Giovanni Antonio, capitano d'armata in Oriente contro il sultano Solimano; Battista I, che, al servizio della Repubblica Veneta per 32 anni si distinse quale capitano di fanteria, negli assedi di Parma e Cremona e nelle guerre d'Oriente. Da costui e da Paola del Corno nacque Luigi, che fu comandante della guardia del Granduca Cosimo de' Medici, e che, al servizio di Venezia in Oriente, portò 1000 fanti in aiuto di Famagosta, ove rimase ucciso. Sempre da Battista e dall'altra sua moglie Isabella degli Obizzi, nacque Pietro (1513), capitano generale veneto e vessilifero del Duca di Urbino; da questi e dalla nob. Ippolita Maggi nacque Battista II, comandante la cavalleria veneta nel 1572 e marito di Isabella Porto di Vicenza, da cui ebbe tredici figli, dei quali: Alessandro fu cavaliere di Malta e navigò sulle galee dell'ordine; Giovanni militò nella guerra d'Asti, del Friuli ed in Fiandra; Federico il quale continuò la famiglia. Dalla Moglie Giulia, del conte Cesare Martinengo Cesaresco, costui, ebbe Paolo e Battista III (n. 1621, dec. 1695), i quali ottennero l'iscrizione della famiglia nel patriziato veneto. Da Battista e dalla moglie contessa Lucrezia Cigola nacque Venceslao (n. 1642, dec 1712), comandante di Corazze, podestà di Crema e castellano di Verona, che dalla moglie Cecilia, del marchese Gasparo Martinengo-Colleoni, ebbe 14 figli, dei quali: Giovanni fu capitano e vice podestà di Vicenza; Alessandro fu condottiero d'armata, ambasciatore straordinario presso la Regina delle Due Sicilie e castellano di Bergamo; Luigi (n. 1694, dec. 1764) il quale sposando Marianna del conte Martinengo-Colleoni, continuò la discendenza. Suo figlio Venceslao III (n. 1731, dec. 1813) ereditò dalla madre il titolo di Marchese di Pianezza. Luigi Giuseppe, del fu Venceslao Gasparo e della nobil sig. Caterina Martinengo di Brescia, nato a Brescia, il 23 giugno 1764, morto il 20 aprile 1826, si unì in matrimonio con la nobil sig. Paolina Maria Memo. Figli: Venceslao Gaspare Alvise, Cavaliere del Sacro Ordine di S. Stefano, nato il 5 settembre 1797, congiuntosi con la nobil sig. Maria Elena Antonio Memo, da cui ebbe 8 figli; Federico Giovanni Maria, nato il 20 agosto 1900, ammogliatosi con la nobil sig. Angela Maria Malipiero. I membri di cotal illustrissima famiglia furono confermati nobili, con S.R. 16 Novembre 1817. I cognomi di cotal risonanza storica, senza dubbio alcuno, rendono decoro non solo alle famiglie ma anche alle città che li hanno accolti; pare siano, infatti, molto riguardevoli i soggetti viventi di questa famiglia che, con tanto decoro, sostentano questo nobile cognome, che ha avuto vari soggetti illustri.
Compre um documento heráldico sobre família Martinengo Delle Palle

Escudo da família: Martinengo Delle Palle

Brasão da família

D'oro all'aquila di rosso beccata, membrata e coronata d'azzurro.
Compre Escudo da família

Heraldrys Institute of Rome on Facebook

Heraldrys Institute on Facebook
© 2016 - 2017 Heraldrys Institute of Rome