Heraldrys Institute of Rome
Language Heraldrys Institute of Rome in Italiano Heraldrys Institute of Rome in English Heraldrys Institute of Rome em Português Heraldrys Institute of Rome auf Deutsche Heraldrys Institute of Rome en Español

Origen del apellido Russo Spena, país de origen: Italia

Nobleza: Principi
Heráldica de la familia: Russo Spena
Corona de la nobleza Russo Spena Dalle fonti storiche risulta che, questa illustre famiglia di origine normanna, è nota in Sicilia fino dal secolo XII e possedette numerosi feudi. Un Rosso Russo Spena, fu investito dal Re Pietro I d'Aragona della baronia di Cerami. Paola Russo, sposò il 18 settembre 1600, il cavaliere messinese Niccolò Spena e succedette nella baronia di Cerami. I figli di detti coniugi assunsero il cognome Russo Spena, che i baroni, poi principi di Cerami hanno sempre portato. Giuseppe, n. Cerami 12.6.1897, Direttore didattico e Capitano d'Artiglieria, Croce di campagna guerra 1916-18. Sp. Luigia Ambruzzi, insegnante, medaglia d'oro Ministero della Pubblica Istruzione.... Continuará

Domenico, n. Cerami 16.10.1931, geometra e laureato in lingue. Giovanni Maria, n. Palermo 11.6.1940, Principe di Cerami, iscritto all'Ordine Nazionale dei Giornalisti Ministero Grazia e Giustizia in data 15 febbraio 1966, iscritto al Ministero del Turismo e dello Spettacolo come regista in data 23 novembre 1966, iscritto alla Società Autori Editori (SIAE), Sez. D.O.R., in data 22 maggio 1968. Come giornalista collabora attualmente con R.U., giornale diretto da Padre Messori S.I. In teatro ha diretto "Il Diavolo" di Papini, "Berenice" di Brasillac, "L'Eglide" di L.F. Celine. Traduttore, riduttore e adattatore per la Casa Editrice Trevi de "L'Eglise" di L.F. Celine, pubblicato nel 1968.


Comprar un documento heráldico de Russo Spena

Escudo de la familia: Russo Spena

Blasòn de la familia

Di rosso alla cometa di otto raggi d'oro ondeggiante in palo.
Comprar Escudo de la familia

Heraldrys Institute of Rome on Facebook

Heraldrys Institute on Facebook
© 2016 - 2017 Heraldrys Institute of Rome