Heraldrys Institute of Rome
Language Heraldrys Institute of Rome in Italiano Heraldrys Institute of Rome in English Heraldrys Institute of Rome em Português Heraldrys Institute of Rome auf Deutsche Heraldrys Institute of Rome en Español

Herkunft des Familiennamens Pomellino, Herkunftsland: Italia

Adelsstand: Marchesi - Nobili
Heraldik die Familie: Pomellino
Krone des Adels Pomellino
Questa famiglia, ha per stipite in Genova, ove emigrò probabilmente dalla Lombardia, Vassallo da Lumello, console nel 1197-98; salì a grande potenza politica fin dai primi tempi del Comune; nel 1528 formò albergo. Il commercio, la diplomazia e la beneficenza furono i campi ove emerse in modo particolare. Nel 1378 Leonello costituì una Maona per il recupero e lo sfruttamento della Corsia, combattè contro il conte Arrigo della Rocca nel 1380 e pose le basi della città di Bastia. Non avendo la Repubblica potuto rimborsargli le spese sostenute, ottenne dal governatore Bucicaldo, nel 1405, l'isola in feudo col titolo di... Fortsetzung folgt

conte, ed il figlio Andrea ne divenne governatore più volte. La principale risorsa di alcuni rami fu la pesca del corallo ch'essi esercitarono per tre secoli. Nel 1494 Nicolò aveva già in affitto insieme ad altri la pesca a Marsacares, indi a Tabarca e sulle coste di Barberia. Nel sec. XVII Cheban bey d'Algeri concesse loro la pesca al Capo Rosso e al Capo Negro con diploma 5 giugno 1695, la qual concessione provocò gravi molestie per parte della concorrente Compagnia francese del bastione. Nello stesso anno il Re di Spagna rinnovò l'appalto di Tabarca a Giacomo q. Agostino, Giacomo q. Filippo, Carlo q. Stefano, Stefano q. Gio. Francesco, Giuseppe q.Carlo. Altro ramo. Antica e nobile famiglia originaria di Sicilia.


Kaufen Sie eine heraldische Dokument auf Familie Pomellino

Familien-Wappen: Pomellino

Blasonierung die Familie

Inquartato al 1
Kaufen Familien-Wappen

Heraldrys Institute of Rome on Facebook

Heraldrys Institute on Facebook
© 2016 - 2017 Heraldrys Institute of Rome

Social Network

Heraldrys Institute on Facebook