Heraldrys Institute of Rome
Language Heraldrys Institute of Rome in Italiano Heraldrys Institute of Rome in English Heraldrys Institute of Rome em Português Heraldrys Institute of Rome auf Deutsche Heraldrys Institute of Rome en Español

Origine del cognome Polizzia, provenienza: Italia

Titolo: Marchesi
Araldica della famiglia: Polizzia
Corona nobiliare Polizzia
Questa famiglia, che vanta come capostipite un Filippo, prefetto della casa di re Martino e castellano di Castrogiovanni nel 1398, godette di nobiltà nelle città di Palermo, Castrogiovanni, Messina e Randazzo. Un Simone Polizzia, possedette il feudo Burrana o Burraisi, che, per la sua morte, venne concesso da re Martino a Sieri Perapertusa; un Filippo Polizzia fu capitano di giustizia in Traina nel 1501; un Giovanni Antonio Polizzia fu senatore in Messina negli anni 1546-47, 1548-49, 1552-53; un Gilberto Polizzia fu giudice del tribunale del Concistoro nell'anno 1643-44 e della Gran Corte Civile nel 1646-47; un Bartolomeo Polizzia fu senatore... Continua

di Palermo negli anni 1690-91, 1694-95; un Silvestro Polizzia acquistò nel 1730 il titolo di marchese di Sorrentino; un Girolamo Polizzia, nel nome maritale di Mattia Romeo Paternò, ebbe il 29 aprile 1746 investitura del titolo di marchese di Motta Camastra e della baronia di Teresa; un Francesco fu capitano di giustizia in Traina nel 1756-57; Vincenzo e Napoli ottenne il 4 giugno 1778 attestato di nobiltà del Senato di Palermo; un Paolo fu capitano di giustizia di Traina nel 1786-87; un Gaspare Polizzia fu cavaliere dell'Ordine di Malta, ebbe il 26 agosto 1785 investitura dei titoli di marchese di Motta Camastra e barone di Treare e fu capitano di giustizia in Randazzo nel 1797-98; un Francesco Polizzia, a Napoli, ebbe il 16 gennaio 1795 investitura del titolo di marchese di Sorrentino; un Giuseppe Polizzia fu proconservatore di Randazzo nel 1799; un Antonino Polizzia, il 29 settembre 1793, ottenne concessione del titolo di barone del Pizzuto e fu capitano di giustizia di Castrogiovanni, negli anni 1799, 1800 e 1801. Altro ramo. La famiglia Polizzia fu antica nobile in Sicilia e nella città d'Agrigento dove fiorì Simone Polizzia che per servigi militari, ebbe del Re Federico terzo, nel 1374, il feudo di Burraiti che gli successe suo genero Silverio di Peraportusa, marito di Pollonia Polizzia, al quale gli successe il lor figlio Raimondo.


Compra un documento araldico su Polizzia

Stemma della famiglia: Polizzia

Blasone della famiglia

Di verde, al castello di tre torri, sormontato da tre stelle a sei raggi, male ordinate; il tutto d'oro.
Compra una riproduzione dello Stemma

Heraldrys Institute of Rome on Facebook

Heraldrys Institute on Facebook
© 2016 - 2017 Heraldrys Institute of Rome

Social Network

Heraldrys Institute on Facebook