Heraldrys Institute of Rome
Language Heraldrys Institute of Rome in Italiano Heraldrys Institute of Rome in English Heraldrys Institute of Rome em Português Heraldrys Institute of Rome auf Deutsche Heraldrys Institute of Rome en Español

Origem do sobrenome Petita, país de origem: Italia

Nobreza: Nobili
Heráldica da família: Petita
Coroa de nobreza Petita
Famiglia assai antica e nobile, originaria del Piemonte, nei ricordi dei tempi andati si leggono alcune varianti di questo cognome, dovute alle solite cause della pronunzia dialettale e dal modo di interpretare nella scritturazione i cognomi, è comune opinione che i Petito, Petiti, Petita siano tutti rami di un unico ceppo. Nel corso dei secoli vari membri di questa illustre casata si propagarono in diverse regioni d'Italia e vi furono accolti nelle importanti cariche della città dove ebbero dimora. Cominciato da G.B. di Crollalanza e continuato poscia da suo figlio Goffredo, l'annuario della Nobiltà Italiana con il dizionario storico blasonico... Continua

delle famiglie nobili italiane ci fà menzione di questa illustre famiglia, originaria del Piemonte. Comparisce con molto splendore frà la nobiltà piemontese questa casata, gli antenati della quale venuti già molti secoli prima in Piemonte, hanno con la loro riputatione apprestata ha discendenti loro onorata strada, trà le maggiori dignità della patria. La famiglia, cogli Aimari, coi Bocchiardi, e coi Marini, appartenevano a nobiltà antica e posseditrice di feudi in Villafranca di Piemonte. Guglielmo ebbe l'onore di menare in moglie Beatrice figlia naturale di Filippo di Savoia, principe d'Acaia, dalla quale ebbe Francesco, ne' cui figli passò il castello di Marcheruto nel 1384. I membri della famiglia ebbero inoltre in feudo una decima parte i Verzuolo, ed una parte del castello di Cantogno.


Compre um documento heráldico sobre família Petita

Escudo da família: Petita

Brasão da família

D'oro, al leone di rosso.
Compre Escudo da família

Heraldrys Institute of Rome on Facebook

Heraldrys Institute on Facebook
© 2016 - 2017 Heraldrys Institute of Rome

Social Network

Heraldrys Institute on Facebook