1. Home
  2. Suche Nachnamens
  3. Suchergebnis
  4. Herkunft des Familiennamens

Herkunft des Familiennamens Alberti De Mazzeri, Herkunftsland: Italia

Adelsstand: Conti - Nobili
Heraldische Spur die Familie: Alberti De Mazzeri
Krone des Adels Alberti De Mazzeri Questa famiglia, distinta dalla prosapia feudale degli omonimi conti di Vernio e di Prato, trae la sua origine dal castello di Catenaia nel Valdarno casentinese, di cui fu signora e di cui spesso assunse la denominazione, per distinguersi dalle altre stirpi dello stesso cognome. Più spesso però furono detti del Giudice, come discendenti di Jacopo, che fu giudice famoso al principio del XIII secolo. La famiglia è antichissima e sembra discenda da quel conte Goffredo a cui l'imperatore Ottone I, nell' 867, confermò i molti feudi che possedeva nelle alte valli del Tevere e dell'Arno, fra cui si trovavano i castelli di Catenaia, Talla, Montegiovi, Bagnena e Penna. Nel XII secolo era signore di questi castelli in conte, Fabiano che morendo lasciò tre figli da tre diverse mogli, i quali si divisero i beni paterni. Ma questi fratelli, in rivalità fra di loro, procurarono di ingrandirsi alle spese gli uni... Fortsetzung folgt

degli altri, sostenuti dai parenti dei rispettivi rami materni. Uno però, chiamato Rustico e che si era dichiarato per il partito guelfo, non trovò aiuto nella famiglia della madre, che veniva dalla potentissima stirpe ghibellina dei Tarlati, signori di Pietramala; restato così senza appoggi, fu spodestato e dovè rifugiarsi a Poggibonsi, donde poi la famiglia passò a stabilirsi in Firenze. Il primo a comparire in questa città è un Rustico, giudice e notaio, che rogò vari atti per il Comune di Firenze, fra cui la pace con Siena del 4 giugno 1203. Suo figlio Alberto fu quegli che dette il nome alla famiglia; anch'esso giudice e notaio, ebbe parte importante nel governo della Repubblica, tanto che lo troviamo nel 1251 fra gli Anziani al momento della ratifica della lega di Firenze con Genova, stretta per combattere i pisani. Bencivenni suo fratello fu anch'egli giudice e notaio ma non sembra abbia partecipato alla vita pubblica. Jacopo di Bencivenni, che professò legge al pari dei suoi antenati, era del Consiglio del Comune nel 1225, quando fu fatta con Siena la lega guelfa, per tener testa a re Manfredi e al partito ghibellino. Alberto di Jacopo fu, nel 1289, il primo dei 48 Priori e 9 Gonfalonieri che ha avuti la famiglia degli Alberti De Mazzeri. Nel 1294 lo vediamo fra i 12 deputati alla riforma dello Statuto, e nel 1310, essendo console di Zecca, fece coniare uno speciale fiorino in memoria delle imprese dell'esercito fiorentino contro gli imperiali. I cognomi così antichi rendono decoro non solo alle famiglie ma anche alle città che li hanno accolti; pare siano, infatti, molto riguardevoli i soggetti viventi di questa famiglia che, con tanto decoro, sostentano questo nobile cognome, che ha avuto vari soggetti illustri.


Kaufen Sie eine heraldische Dokument auf Familie Alberti De Mazzeri

Bitte für weitere Informationen oder Fragen zögern Sie nicht, kontaktieren Sie uns:

Familien-Wappen: Alberti De Mazzeri

Blasonierung die Familie

D'azzurro a quattro catene di argento, moventi dagli angoli dello scudo e legate in cuore da un anello dello stesso.
Blasone della famiglia Alberti di Arezzo originaria di Monterchi, e di Firenze, Santa Croce, Lion nero. Fonte: "Raccolta Ceramelli Papiani" custodita presso l'archivio di stato di Firenze, fasc. 4971 e 43; provenienti da Catenaia, nel contado di Arezzo. La famiglia è indicata anche con il cognome «Alberti del Giudice», per la discendenza da un giudice e notaio Rustico, primo a giungere a Firenze (I metà sec.XIII). Uno stemma relativo a Marco di Francesco Alberti (1389) reca in capo una lettera M d'argento. Un ramo della famiglia si è trasferito in Francia nel XV secolo, dove eredità la Signoria poi Ducato di Luynes. Un altro ramo passò a Genova nel XIV secolo .
Kaufen Familien-Wappen

Heraldrys Institute of Rome on Facebook

Heraldrys Institute on Facebook
© 2016 - 2017 Heraldrys Institute of Rome

Social Network

Heraldrys Institute on Facebook