EU Avviso cookies: Questo sito fa uso dei cookies per migliorare la sua esperienza. Se non li gradisse può inibirne l'uso regolando il suo browser nella sezione strumenti e modificando le impostazioni dei cookies. Informazioni sulla privacy. Non Accetto
OK Accetto Chiudi questo avviso.
  1. Home
  2. Ricerca Cognome
  3. Risultato della Ricerca
  4. Origine del cognome

Origine del cognome Battaglione, provenienza: Italia

Titolo: Conti
Variazioni cognome: Battaglion
Traccia araldica della famiglia: Battaglione
Variazioni cognome: Battaglion
Corona nobiliare Battaglione Originaria di Roma. Venuta in Piemonte dimorò fino al 1470 in Feletto, e quindi in Ozegna. Gian Giacomo, Mastro uditore nella Camera dei Conti, nel 1584, ebbe la cittadinanza torinese nel 1588, Giovanni Pietro Prefetto a Mondovì nel 1699, Ottavio Felice, avvocato illustre, giudice di Ozegna nel 1695, poi senatore nel 1723, Severino segretario di Stato. A questa famiglia ha appartenuto il titolo di Conte, titolo che solevasi dagli imperatori a coloro che erano al loro fianco. Da questi Conti si sceglieva coloro che venivano destinati a soprintendere agli uffizi del regio palazzo, ed altri erano mandati al governo delle provincie dell'impero ed a gurdare i confini. Erano poi altri conti, estranei ai cennati uffizi, come quelli addetti all'annona, al commercio; ed anche i provveditori dell'esercito si ebbero quel titolo. Ai tempi dei Goti la dignità di Conte fu pur mantenuta a parecchi pubblici funzionari; ed i Longobardi ancora dissero... Continua
i loro governatori conti o castaldi.

Compra un documento araldico su Battaglione

Per informazioni non esiti a contattare il nostro esperto Araldico:

Stemma della famiglia: Battaglione
Variazioni cognome: Battaglion

Stemma  della famiglia Battaglione

1 Blasone della famiglia Battaglione

D'oro, al leone di rosso volto a destra, coronato dello stesso, tenente colle branche anteriori una mazza di nero.

Battaglione del Piemonte (Battaglion in Veneto). Citato in "Dizionario storico blasonico delle famiglie nobili e notabili italiane estinte e fiorenti" vol. primo, pag. 103, compilato dal Comm. G.B. di Crollalanza, edito presso la direzione del giornale araldico, Pisa 1888.

Compra una riproduzione dello Stemma

Heraldrys Institute of Rome on Facebook

Heraldrys Institute on Facebook
© 2016 - 2017 Heraldrys Institute of Rome

Social Network

Heraldrys Institute on Facebook