Heraldrys Institute of Rome
Heraldrys Institute of Rome in Italiano Heraldrys Institute of Rome in English Heraldrys Institute of Rome em Português Heraldrys Institute of Rome auf Deutsche Heraldrys Institute of Rome en Español
  1. Home
  2. Ricerca Cognome
  3. Risultato della Ricerca
  4. Origine del cognome

Origine del cognome Carullo, provenienza: Italia - Spagna

Titolo: Nobili - Cavalieri - Conti - Marchesi - Duchi
Variazioni cognome: Carulla
Traccia araldica della famiglia: Carullo
Variazioni cognome: Carulla
Corona nobiliare Carullo Antica ed assai nobile famiglia spagnola, originariamente conosciuta come Carulla, di chiara ed avita virtù, propagatasi, nel corso dei secoli, in diverse regioni europee, con l'insediamento più cospicuo in Italia, ove fu trascritta come Carullo. Le prime tracce lasciate dal casato si hanno già nel XII secolo. Alcuni membri della famiglia, infatti, figurano tra i cavalieri che combatterono eroicamente al Alarcos, nel 1195, al seguito di Alfonso VIII di Castiglia. Un ramo del casato giunse nel Regno di Napoli al seguito dei re aragonesi nel XV secolo, ricevendo alcuni feudi. Assai numerosi, inoltre, i personaggi degni di nota, che da esso trassero i natali. Fra questi, senza nulla levar al valore degli omessi, contasi: Antonio, giurista, fiorente in Napoli, nel 1503; Alessandro Luigi, proprietario terriero nel napoletano, fiorente nel 1522; Tommaso, dottore in "utroque jure", fiorente in Napoli, nel 1544; Agostino, dottore in l'una e l'altra legge, fiorente in Napoli,... Continuanel 1561; Ignazio, distintosi nella difesa di Malta contro i Turchi, nel 1565; Gio. Batta, proprietario terriero ed imprenditore, fiorente in Napoli, nel 1573; D. Carlo Maria, canonico, teologo e commissario apostolico, vivente in Salerno, nel 1614; Giacomo, dottore in "utroque jure", vivente in Napoli, nel 1633; Filippo, il quale servì il re di Spagna durante la rivolta di Masaniello del 1647; Luigi, revisore d'armi del Regio Esercito del Regno delle Due Sicilie. Altra famiglia. La nobilissima famiglia siciliana Marullo ha diramato in largo e lungo per l'Italia, tanto che talvolta fu trascritta come Marulli, Carulli o Carullo. Il ramo originario godette nobiltà in Sicilia e, più precisamente, in Messina, sin dall'epoca normanna ed i suoi membri hanno sostenuto le più eminenti cariche e posseduto molti e cospicui, feudi, fra i quali Saponara, Calvaruso, Bavuso, Casalnuovo, Mola S. Lorenzo, S. Stefano, Calatabiano, Condojanni ed Augusta. Ignazio, già conte di Condojanni, venne graziato del titolo di marchese di Condagusta per privilegio di Filippo IV del 20 Agosto 1626; Placido, per eminenti servizi prestati alla Corona ne fu rimunerato col titolo di Duca di Giovampaolo il 28 Ottobre 1648. I cognomi così antichi, senza dubbio alcuno, rendono decoro non solo alle famiglie ma anche alle città che li hanno accolti; pare siano, infatti, molto riguardevoli i soggetti viventi di questa famiglia che, con tanto decoro, sostentano questo nobile cognome, che ha avuto vari soggetti illustri.
Compra un documento araldico su Carullo

Per informazioni non esiti a contattare il nostro esperto Araldico: tel. +39 393 2258835 (orario 10-18) , Sms 24h/24

Stemma della famiglia: Carullo
Variazioni cognome: Carulla

Stemma  della famiglia Carullo

1 Blasone della famiglia Carullo

Di rosso, ad una muraglia d'oro.

Blasone della famiglia Carulla o Carullo originaria di Spagna. Nelle raffigurazioni antiche la muraglia è chiusa d'oro e con due torri anche se non sono blasonate. Fonti: "Repertorio de blasones de la comunidad hispánica - letras A-B-C-CH Vicente De Cadenas y Vicent Instituto Salazar y Castro", pagina 460; "Archivio Storico" di Heraldrys Institute of Rome.

Stemma  della famiglia Marullo

2 Blasone della famiglia Marullo

Diviso di rosso e d'oro, con una colomba d'argento nel primo posata sul diviso. Corona di duca.

Fonti: "Blasone In Sicilia ossia Raccolta Araldica" V. Palizzolo Gravina, Palermo 1871-75, p. 250; "Enciclopedia Storico-Nobiliare Italiana di V. SPRETI"; "Teatro Genologico delle Famiglie Nobili Titolate Feudatarie ed Antiche Nobili del fidelissimo Regno di Sicilia viventi ed estinte" del S.Don Fialdelfio Mugnos, Palermo 1647; "Nobiliario della città di Messina", Napoli 1877. pag 122. Cesare Galluppi.

Compra una riproduzione dello Stemma

Heraldrys Institute of Rome on Facebook

Heraldrys Institute on Facebook
© 2016 - 2017 Heraldrys Institute of Rome

Social Network

Heraldrys Institute on Facebook