1. Home
  2. Búsqueda apellido
  3. Resultados de la búsqueda
  4. Origen del apellido

Origen del apellido Cataluffi, país de origen: Italia

Nobleza: Baroni - Nobili
Rastro heráldico de la familia: Cataluffi
Corona de la nobleza Cataluffi
Famiglia proveniente da Alatri nella campagna romana. Da un Alessandro nato e morto colà, nacque unigenito (1760) altro Alessandro, che, datosi al commercio, dopo aver percorso parte d'Europa, si fissò in Genova, dove ottenne decreto di cittadinanza (1793). Dai figli di lui, Giuliano e Giuseppe, vennero due linee, delle quali la primogenita, investita del titolo baronale, è stata iscritta nell'Elenco ufficiale nobiliare italiano del 1922. Detto Giuliano, creato Barone (mpr.) dal re Carlo Alberto (RR. LL. PP. 7 luglio 1842), ebbe figlio primogenito il barone Giacomo (m. 1897), padre del barone Giuliano (n. 1881) e di Giovan Battista, iscritti in detto Elenco, nonché di Carlo. Nel medesimo Elenco vennero iscritti anche gli altri due fratelli del barone Giacomo, cioè Raffaele (n. 1845, dec. 1919) col figlio Alessandro (n. 1880) e Luigi, del quale ultimo però non furono mentovati i figli ingegnere Giuliano, Emilio, Bartolomeo, Giacomo, Domenico (n. 1881,dec. 1908), Anna... Continuará

maritata Bruzzo e Maria Luisa. La linea di Giuseppe, fratello del primo barone Giuliano, come non baronale non vi è invece accennata; dal qual Giuseppe, avvocato (n. 1809, dec. 1876), nacquero Giuliano, marito di Elisa Patrone e poi di Viola Cattaneo di Belforte e padre di Giuseppina maritata Podestà, e Bartolomeo (n. 1840, dec. 1880), marito di Maria Spinola, da cui i figli Giuseppe (n. 1864), sacerdote Angelo (n. 1869), Francesco (n. 1876), Margherita e Maria. Degli uomini ragguardevoli di questa famiglia vanno particolarmente ricordati, oltre quell'Alessandro da Alatri, il figlio di lui Giuliano (dec. 1874), membro del corpo decurionale di Genova (1834-74), il quale, come sindaco del ceto commerciale di detta città, intervenne alle nozze del re Vittorio Emanuele II, ed ebbe il titolo baronale (1842); fondò una banca di sconto, deposito e conti correnti (approvata con decreto del 6 marzo 1844), la quale poi, fusasi con la Banca Subalpina di Torino, formò la Banca Nazionale. Il fratello di lui Giuseppe fu giudice del tribunale di commercio, accademico di merito dell'Accademia linguistica di belle arti, senatore del regno (1848); andò col marchese Orso Serra a Torino per implorare dal re la cessazione del bombardamento che faceva il generale La Marmora (1848). Angelo di Alessandro (n. 1813, dec. ica genovese; Oberto e Manfredo capi della fazione ghibellina.


Comprar un documento heráldico de Cataluffi

Para obtener más información o pregunta, por favor no dude contáctenos:

Escudo de la familia: Cataluffi

Blasòn de la familia

D'azzurro all'albero di verde, sinistrato del leone di oro, accompagnato in capo da due stelle del medesimo.
Comprar Escudo de la familia

Heraldrys Institute of Rome on Facebook

Heraldrys Institute on Facebook
© 2016 - 2017 Heraldrys Institute of Rome

Social Network

Heraldrys Institute on Facebook