1. Home
  2. Ricerca Cognome
  3. Risultato della Ricerca
  4. Origine del cognome

Ricerca Cognome

Origine del cognome Dellimauri, provenienza: Italia

Nobiltà: Nobili - Baroni
Traccia araldica della famiglia: Dellimauri
Corona nobiliare Dellimauri
Antica ed assai nobile famiglia italiana, originariamente conosciuta come Mauri ma talvolta trascritta come Dellimauri o Dellimauro, propagatasi, nel corso dei secoli, in diverse regioni d'Italia. Secondo quanto riportato da Flaminio Rossi, tal famiglia rifulse in Volterra per più di duemila anni e può vantare l'aver dato i natali al pontefice Lino, uno dei primi discepoli di S. Pietro e di essersi imparentata con le principali famiglie di Roma. Stando a quanto poi riporta il Mugnos, la famiglia fu portata in Sicilia da un Mauro Mauri o Dellimauri, uomo dalle molte ricchezze, che pose la propria dimora in Messina. Ivi i suoi figli lodevolmente servirono i reali di Sicilia, tanto da riceverne in cambio castellanie e feudi, sin dal secolo decimo quarto. D’altronde, tal famiglia, nel dispiegarsi dei lustri, sempre è riuscita a produrre una serie di uomini che hanno reso illustre il suo nome, nei pubblici impieghi, nelle professioni liberali... Continua

ed ecclesiastiche e nel servizio militare. Fra questi, senza nulla levar al valore degli omessi, contasi: Filippo, il quale fu giurato di Messina nel 1302; Pietro, che fu straticoto nel 1322; Stefano, straticoto nel 1343; Bartolomeo, uno dei baroni rimunerati da re Federico III nel 1396; Tommaso, dottore in l'una e l'altra legge, fiorente in Messina, nel 1429; P. Luigi, dell'Ordine dei Minori Riformati, fiorente nel 1498; Agostino, capitano d'armi, fiorente in Messina, nel 1502. Da una analisi cromatica e simbolica dello stemma, possiamo, infine, ricavare alcune importanti informazioni sulle virtù associate a tal cognome. L'argento, simbolo della Luna, tra le virtù spirituali è simbolo di purezza, verginità, innocenza, umiltà, verità, giustizia, temperanza, equità mentre per le qualità mondane è simbolo di amicizia, clemenza, gentilezza, sincerità, concordia, allegrezza, vittoria, eloquenza; il drago è una figura araldica chimerica che simboleggia vigilanza, custodia e fedeltà ma è anche assunto come emblema di valore militare; il rosso, richiamandosi al sangue versato in battaglia, rappresenta il valore, l'audacia, la nobiltà ed il dominio. I cognomi così antichi, senza dubbio alcuno, rendono decoro non solo alle famiglie ma anche alle città che li hanno accolti; pare siano, infatti, molto riguardevoli i soggetti viventi di questa famiglia che, con tanto decoro, sostentano questo nobile cognome, che ha avuto vari soggetti illustri.


Compra un documento araldico sulla famiglia Dellimauri

Per informazioni non esiti a contattare il nostro esperto Araldico:

Stemma della famiglia: Dellimauri

Stemma  della famiglia Mauro

1 Blasone della famiglia Mauro

D'argento, con un drago passante di rosso. Corona di barone.

Mauro(di o de), Mauri o Dellimauri del Regno di Sicilia. Fonte bibliografica del blasone "Blasone In Sicilia ossia Raccolta Araldica" V. Palizzolo Gravina, Palermo 1871-75, p. 255.

Compra una riproduzione dello Stemma

Heraldrys Institute of Rome on Facebook

Heraldrys Institute on Facebook
© 2016 - 2017 Heraldrys Institute of Rome

Social Network

Heraldrys Institute on Facebook