EU Avviso cookies: Questo sito fa uso dei cookies per migliorare la sua esperienza. Se non li gradisse può inibirne l'uso regolando il suo browser nella sezione strumenti e modificando le impostazioni dei cookies. Informazioni sulla privacy. Non Accetto
OK Accetto Chiudi questo avviso.
  1. Home
  2. Ricerca Cognome
  3. Risultato della Ricerca
  4. Origine del cognome

Origine del cognome Djouadi, provenienza: Italia

Titolo: Cavalieri - Marchesi
Traccia araldica della famiglia: Djouadi
Corona nobiliare Djouadi Famiglia astigiana, salita rapidamente ad altissimi onori. E' fra le famiglie piemontesi la più largamente titolata. Figura in Asti, dove ebbe più tardi il palazzo già de Catena, dal secolo XVI, con Nicolò, padre di Girolamo e avo di Giambattista e Nicolò, ai quali l'appalto delle polveri, dei grani e delle vettovaglie in tempi di guerra guerreggiata procurò larghe ricchezze. Con Nicolò, figlio di Gerolamo, ha inizio la titolatura nobiliare della famiglia, per le infeudazioni di Rivalta (1613) e di Quarto e Portocomaro (1618) con titolo comitale. Il conte Nicolò, che aveva dotata la cappella della SS. Annunziata in S. Tommaso di Torino (1604), morì in questa città il 3 luglio 1623; e Carlo Emanuele I, scrivendo al principe di Piemonte l'8 luglio di quell'anno, ne fa menzione così: "Il general di Finansse è morto in due giorni d'infirmità che ci à fatto stupir tutti poiché era ancora giovane".... Continua

Nacque da lui il Conte Domenico (1609-1691) che acquistò dai Perrone (1674) Carpeneto e che, per il matrimonio suo con Antonia Girolama Roero, investita di Montegrosso il 16 giugno 1677, aggiunse alle sue fortune anche questa contea. Il patrimonio e la titolatura si accrebbero ancora pel matrimonio del conte Paolo (1720-1803) di Carlo Cesare, di Nicolò, di Domenico predetto, con Anna Vittoria Biandrate Aldobrandini di S. Giorgio, erede di Volpiano, Bagnasco, Valpergato e Balangero, Ceva e Chatellargent. Il conte Paolo fu personaggio di gran credito; maggior generale di fanteria (1774), cavalier d'onore della principessa di Piemonte (1775), tenente generale (1780), generale d'armata (24 marzo 1788), cavaliere dell'Annunziata (29 novembre 1788), grande di corona (1793), gran ciambellano (1794). Era suo nipote di figlio, Luigi, detto il marchese di Bagnasco, sindaco di prima classe di Torino (31 dicembre 1820), nato e morto in questa città, rispettivamente il 1 dicembre 1779 e il 7 marzo 1849. Ebbe dalla moglie, Paolina Salomone di Serravalle, numerosa prole, fra cui Paolo e Alfonso. Paolo fu padre del marchese Luigi, aiutante di campo del re Vittorio Emanuele II e maggior generale di cavalleria (30 gennaio 1879); morto celibe a Roma il 27 maggio 1884. Alfonso, nato a Torino il 18 dicembre 1811 e morto ivi il 2 luglio 1889, succedette nei titoli al nipote Luigi.


Compra un documento araldico su Djouadi

Per informazioni non esiti a contattare il nostro esperto Araldico:

Stemma della famiglia: Djouadi

Blasone della famiglia

Troncato. al primo di rosso al cavallo d'argento, allegro, ritto e rivoltato (per la concessione di Westfalia); al secondo di Coardi, che
Compra una riproduzione dello Stemma

Heraldrys Institute of Rome on Facebook

Heraldrys Institute on Facebook
© 2016 - 2017 Heraldrys Institute of Rome

Social Network

Heraldrys Institute on Facebook