EU Avviso cookies: Questo sito fa uso dei cookies per migliorare la sua esperienza. Se non li gradisse può inibirne l'uso regolando il suo browser nella sezione strumenti e modificando le impostazioni dei cookies. Informazioni sulla privacy. Non Accetto
OK Accetto Chiudi questo avviso.
  1. Home
  2. Ricerca Cognome
  3. Risultato della Ricerca
  4. Origine del cognome

Origine del cognome Ferri, provenienza: Italia

Titolo: Nobili - Conti - Patrizi - Marchesi
Traccia araldica della famiglia: Ferri
Corona nobiliare Ferri
Antica ed illustre famiglia vicentina, i cui membri accrebbero la propria fortuna grazie al commercio dei metalli preziosi. Pellegrino e Iseppo, mediante l'esborso di cinquemila ducati, nell'8 ottobre 1690, furono aggregati al nobile Consiglio di Padova. Lo stesso Pellegrino, con diploma 4 maggio 1709, di Federico IV re di Danimarca, fu creato conte coi discendenti legittimi di ambo i sessi; titolo che venne riconosciuto dalla Repubblica Veneta con la iscrizione della famiglia nell'A. L. T. per terminazione dei Provveditori sopra feudi, 8 marzo 1710. Francesco Maria, Anna Maria e Pietro Leopoldo, di Giov. Giuseppe, ebbero la conferma della nobiltà con Sovrana Risoluzione Austriaca 23 marzo 1819 e del titolo comitale con Sovrana Risoluzione Austriaca 13 aprile 1829 e 22 ottobre 1830. Sono iscritti nell'Elenco nobiliare ufficiale coi titoli suddetti i seguenti: Leopoldo, n. Padova 13 luglio 1877, di Francesco Galeazzo, di Pietro Leopoldo e di Giovanna Nepomucena di Thunn e... Continua
Hohenstein, spos. Padova 10 febbraio 1904 con Cornelia de Lazara Pisani Zusto, da cui: a) Francesco, n. Padova 8 sett. 1905; b) Antonio, n. Padova 7 genn. 1907; c) Giovanna, n. Padova 2 luglio 1908; d) Giuseppe, n. Padova 25 maggio 1917. Sorella di Leopoldo: Costanza, n. Padova 22 luglio 1879. Altro ramo. Nobile famiglia di Fano, annoverata tra i Terzi Priori, il cui nome risulta nell'elenco inviato al Gran Priorato di Roma a firma del seg Pescelaccia il 19.7.1776 e compilato dal Gonfaloniere esercente di Fano allo scopo di censire la Nobiltà Generosa. Nobile di Montalto, per aggregazione di Cristoforo del 20.10.1771, Patrizia di San Marino per Concessione del 22.6.1777 nelle persone del Monsignor Vescovo del Montefeltro e suoi famigliari. Nobile di Viterbo come risultante dall'Elenco Ufficiale delle Famiglie Nobili e Titolate della Regione Romana, estratto dal Bollettino Ufficiale della Consulta Araldica del Regno d'Italia: n. 24, Volume V. Altro ramo. Nobilissimo casato campano, il quale, secondo la tradizione, discende dalla nobile famiglia normanna Ferrè des Ferris. Un discendente di quella famiglia, infatti, diede origine al ramo italiano, partecipando alla Crociata contro gli Albigesi negli anni 1209-1229. Infatti, giunto in Italia e qui ridotto in prigionia per ignoti motivi, il Ferrè avrebbe volontariamente modificato le armi della propria famiglia (tre ferri di cavallo posti due sopra uno) in tre anelli doro posti nello stesso modo su fondo rosso, per simboleggiare con i tre anelli proprio i lunghi anni passati in prigionia. Il genealogista francese Pierre Ferry de Fontnouvelle concorda con l'origine normanna della famiglia Ferri e, dai Ferrè des Ferris, fa discendere Giovanni Ferri, scudiero, nato nell'anno 1333 nella diocesi di Nola (località Lantea). Il figlio di Giovanni, Nicola, anch'esso scudiero, ebbe due figli, Perrin, che rimase a Lantea, e Benoit, che seguì Renato d'Angiò in Provenza in seguito ai noti fatti conseguenti allo scontro con Alfonso d'Aragona. Benedetto divenne in seguito coppiere del Re ed ufficiale della Real Casa e la sua discendenza rimase in Francia. In ogni modo, i Ferri si stabilirono stabilmente in Campania, sin dal XIII secolo, accumulando, nel corso dei secoli, diversi possedimenti. Don Leonzio Ferri intraprese la carriera giuridica e, da un atto datato 6 Novembre 1771, risulta essere stato Avvocato straordinario di un imprecisato Pio Luogo retto dal Duca di Vietri. In alcuni atti giudiziari successivi, lo stesso figura come avvocato difensore della città di Napoli, ad esempio nei confronti della città di Aversa, oppure di altri organi come il Regio Portolano. Il fratello di Leonzio, Gaetano, esercitò la stessa professione, divenendo Avvocato ordinario, giudice e deputato della città di Napoli. In un documento datato 28 ottobre 1802, Don Gaetano Ferri viene richiamato come Avvocato dell'Ambasciata e della Nazione Spagnola presso la Real Corte di Napoli. La carriera giuridica fu intrapresa poi anche da Ferdinando Ferri, nominato auditore nella Provincia Aquilana nel nominato sottintendente del Distretto di Pozzuoli, carica che fu riconfermata dopo la restaurazione e, anzi, elevata prima a quella di Consigliere della Gran Corte dei Conti del regno Borbonico
Compra un documento araldico su Ferri

Per informazioni non esiti a contattare il nostro esperto Araldico:

Stemma della famiglia: Ferri

Stemma  della famiglia Ferri

1 Blasone della famiglia Ferri

D'azzurro inquartato da due filetti d'oro; il primo e quarto alla croce d'oro patente e scorciata; il secondo e terzo al leone d'oro, sostenuto da un elmo di argento; sul tutto uno scudetto d'argento allo scaglione ( o tre scaglioni) d'argento cucito, sopraccarico di cinque pali di rosso.

Ferri originari di Padova, insigniti dei titoli di Coenti e Nobili. Citato in "Enciclopedia Storico-Nobiliare Italiana di V. SPRETI", Vol. III pag. 161.

Stemma  della famiglia Ferri

2 Blasone della famiglia Ferri

Spaccato d'oro e d'azzurro, al leone tenente con le branche anteriori una croce del Calvario, dall'uno all'altro, e accompagnato da due stelle d'azzurro nei cantoni del capo.

Ferri originari del Piemonte, insigniti del titolo di Conti di Salbertrand. Citato in "Dizionario storico blasonico delle famiglie nobili e notabili italiane estinte e fiorenti" vol.I, pag. 403, compilato dal Comm. G.B. di Crollalanza, edito presso la direzione del giornale araldico, Pisa 1888.

Stemma  della famiglia Ferri

3 Blasone della famiglia Ferri

D'azzuro alla spada d'argento.

Ferri originari di Genova. Citato in "Dizionario storico blasonico delle famiglie nobili e notabili italiane estinte e fiorenti" vol.I, pag. 403, compilato dal Comm. G.B. di Crollalanza, edito presso la direzione del giornale araldico, Pisa 1888.

Stemma  della famiglia Ferri

4 Blasone della famiglia Ferri

D'argento, all'antibraccio cadente di carnagione accompagnato in punta da tre stelle di sei raggi d' oro; col capo d' Angiò.

Ferri originari di Imola. Citato in "Dizionario storico blasonico delle famiglie nobili e notabili italiane estinte e fiorenti" vol.I, pag. 403, compilato dal Comm. G.B. di Crollalanza, edito presso la direzione del giornale araldico, Pisa 1888.

Stemma  della famiglia Ferri

5 Blasone della famiglia Ferri

D'azzurro, all'uccello passante su cinque monti di verde e tenente colla zampa levata un ferro da cavallo, con una stella d' argento in capo.

Ferri originari di Sassano. Citato in "Dizionario storico blasonico delle famiglie nobili e notabili italiane estinte e fiorenti" vol.I, pag. 403, compilato dal Comm. G.B. di Crollalanza, edito presso la direzione del giornale araldico, Pisa 1888.

Stemma  della famiglia Ferri

6 Blasone della famiglia Ferri

D'azzurro, al destrocherio di carnagione, vestito di rosso, tenente in palo una croce di ferro e quattro rami di verde, accostati due per lato alla croce, come una ghirlanda.

Ferri di Grosseto. Citato in "Raccolta Ceramelli Papiani" custodita presso l'archivio di stato di Firenze, fasc. 5594.

Stemma  della famiglia Ferri

7 Blasone della famiglia Ferri

Fasciato d'oro e d'azzurro.

Ferri originari di fano. Citato in "Enciclopedia Storico-Nobiliare Italiana di V. SPRETI", Vol. III pag. 161.

Compra una riproduzione dello Stemma

Heraldrys Institute of Rome on Facebook

Heraldrys Institute on Facebook
© 2016 - 2017 Heraldrys Institute of Rome

Social Network

Heraldrys Institute on Facebook