1. Home
  2. Búsqueda apellido
  3. Resultados de la búsqueda
  4. Origen del apellido

Origen del apellido Fossati De Regibus Cacciapiatti, país de origen: Italia

Nobleza: Marchesi
Rastro heráldico de la familia: Fossati De Regibus Cacciapiatti
Corona de la nobleza Fossati De Regibus Cacciapiatti
Originano da Milano. Giulio, patrizio milanese, che morì nel 1772, venne creato conte dall'imperatore Carlo VI il 24 giugno 1739. Sposò Fulvia del marchese Alberto De Regibus. Da questo matrimonio nacque, fra gli altri, Giuseppe, il quale ottenne la facoltà, con diploma imperiale del 31 ottobre 1787, di usare il titolo marchionale e di aggiungere al proprio il cognome materno. Da lui nacque nel 1786, Giorgio, il quale avendo sposato Luigia Cacciapiatti, suo figlio Giovanni Evangelista (deceduto 1882) chiese nel 1846 di portare l'arma Cacciapiatti. L'istanza non fu però seguita da alcun provvedimento. Quartogenita è Maria, nata a Torino il 1 febbraio 1854, che sposò nel 1886 l'ingegnere nobile Ercole Tenca.

Comprar un documento heráldico de Fossati De Regibus Cacciapiatti

Para obtener más información o pregunta, por favor no dude contáctenos:

Escudo de la familia: Fossati De Regibus Cacciapiatti

Escudo de la familia Fossati De Regibus Cacciapiatti

1 Blasòn de la familia Fossati De Regibus Cacciapiatti

Inquartato: al primo e quarto di De Regibus, che è d'azzurro a tre coppe coronate e male ordinate, sormontate da una cometa accodata e da due stelle (6), il tutto d'oro; al secondo e terzo di Fossati, che è contrinquartato di argento e di rosso a tre stelle (8) dell'uno nell'altro, e la terza dall'uno all'altro. Cimiero: il vecchio, barbuto, vestito ed incappucciato di nero, nascente, tenente colla destra una stella (8) di rosso e la sinistra appoggiata al fianco.

Citato in "Enciclopedia Storico-Nobiliare Italiana di V. SPRETI",Vol. III pag. 243.

Comprar Escudo de la familia

Heraldrys Institute of Rome on Facebook

Heraldrys Institute on Facebook
© 2016 - 2017 Heraldrys Institute of Rome

Social Network

Heraldrys Institute on Facebook