1. Home
  2. Búsqueda apellido
  3. Resultados de la búsqueda
  4. Origen del apellido

Origen del apellido Klomsdorf, país de origen: Italia

Nobleza: Cavalieri
Rastro heráldico de la familia: Klomsdorf
Corona de la nobleza Klomsdorf
Famiglia originaria del Baden, di antica e nobile tradizione, propagatasi, nel corso dei secoli, in Italia, prevalentemente in Valle d'Aosta, ed in America del nord. La cognominizzazione, anteriore al XVI secolo, dovrebbe derivare dal nome del villaggio di origine del capostipite, nel circondario di Karlsruhe, di cui si hanno tracce fino al XVII secolo. Un Adam, fiorito nella prima metà XV secolo, soldato di ventura al servizio nel nobile Gottfried von Berlichingen, fu fatto Cavaliere per meriti militari. Successivamente, ed anche in Italia, i nomi dei Klomsdorf sono prevalentemente ricordati in annuari e contratti di vendita di terre e case, dai quale appare che erano di condizione agiata e cospicua. Un Anton, maestro di campo in Bari, fiorì nella prima metà del XVII secolo; la carica era venale, ossia ricevibile e cedibile liberamente, per conseguenza i rampolli dell'alta aristocrazia potevano accedere al grado ad un'età assai precoce e trovarsi, quindi,... Continuará
in buona posizione per ambire per anzianità ai gradi superiori. Un Simon, vissuto nel medesimo periodo in Trento, fu canonico e teologo assai dotto. I cognomi così antichi rendono decoro non solo alle famiglie ma anche alle città che li hanno accolti; pare siano, infatti, molto riguardevoli i soggetti viventi di questa famiglia che, con tanto decoro, sostentano questo nobile cognome, che ha avuto vari soggetti illustri.
Comprar un documento heráldico de Klomsdorf

Para obtener más información o pregunta, por favor no dude contáctenos:

Escudo de la familia: Klomsdorf

Blasòn de la familia

D'argento alla fascia scaccata di nero e del medesimo di tre file.
Comprar Escudo de la familia

Heraldrys Institute of Rome on Facebook

Heraldrys Institute on Facebook
© 2016 - 2017 Heraldrys Institute of Rome

Social Network

Heraldrys Institute on Facebook