EU Aviso cookies: Este sitio hace uso de cookies técnicos y estadísticos, incluyendo terceros cookies. Puede inhibir su uso mediante el ajuste de la configuración del navegador de cookies. Privacy. No, yo no acepto
Ok cierra la alerta
  1. Home
  2. Búsqueda apellido
  3. Resultados de la búsqueda
  4. Origen del apellido

Origen del apellido Monteni, país de origen: Italia

Nobleza: Nobili - Marchesi
Rastro heráldico de la familia: Monteni
Corona de la nobleza Monteni
Antichissimo casato genovese, le cui prime vestigia, rimontano al 1130, propagatosi, nel corso dei secoli, in diverse regioni d'Italia. La famiglia, passata in Napoli, già al tempo di re Federico II, il 14 aprile 1573, divenne possidente di alcuni terreni, tra cui il contado di Marigliano, grazie all'acquisto effettuato Geronimo Monteni, banchiere napoletano e tesoriere del Regno. In data 23 dicembre 1578, lo stesso Geronimo, ottenne il titolo di marchese di Marigliano, dall'Imperatore Filippo II. Inoltre, tal casato, in ogni epoca, sempre riuscì a distinguersi, grazie agli elevati personaggi, a cui diede i natali. Tra questi, senza nulla levar al valore degli omessi, ricordiamo: Riccardo, creato gran giustiziere del regno, da re Federico II, nel 1248; Giovanni, Vescovo di Famagosta, nel 1409; Pietro, arbitro fra nobili e popolari in Genova, nel 1418, ambasciatore a Venezia e Firenze, nel 1430, id. al duca di Milano, nel 1433, id. al Papa, nel... Continuará

1447; Cosimo, console di Samastro, nel 1429; Luciano, ambasciatore al re d'Aragona, nel 1443; Girolamo, vescovo di Mariana in Corsica e vicario generale del cardinale Paolo Fregoso, nell'arcivescovato di Genova, nel 1458. Nel 1538, il ramo rimasto in Genova, si inalbergò nei Lomellini. La famiglia levò per arme. D'argento al monte isolato di tre cime di nero. Altro ramo. Nobile famiglia di Andria, la quale alzò per arme. D'argento alla quercia al naturale sostenuta da un monte di nero di tre cime e sormontata nel capo da tre stelle di sei raggi di rosso. Altro ramo. Famiglia di commercianti, di origine montenegrina, ricordata per aver fatto realizzare, nella seconda metà del XVII secolo, l'omonimo Palazzo brindisino. I membri di tal casato, infatti, si trasferirono a Brindisi verso la fine del seicento mutando il loro nome da Petrovich in Montenegro. L'edificio, in stile barocco, si contraddistingue per la balconata centrale con le mensole riccamente decorate, in cui si innestano mascheroni e figure, mentre il portale principale è inquadrato da due colonne. Il palazzo oggi residenza del Prefetto, ha ospitato nel corso dei secoli importanti personaggi storici, quali il Re delle Due Sicilie Ferdinando IV di Borbone nel 1797, in occasione della visita alla città e al castello Aragonese e Gioacchino Murat, nel 1813. I cognomi così antichi, senza dubbio alcuno, rendono decoro non solo alle famiglie ma anche alle città che li hanno accolti; pare siano, infatti, molto riguardevoli i soggetti viventi di questa famiglia che, con tanto decoro, sostentano questo nobile cognome, che ha avuto vari soggetti illustri.


Comprar un documento heráldico de Monteni

Para obtener más información o pregunta, por favor no dude contáctenos:

Escudo de la familia: Monteni

Blasòn de la familia

D'argento, ad un monte isolato di tre cime di nero.
Comprar Escudo de la familia

Heraldrys Institute of Rome on Facebook

Heraldrys Institute on Facebook
© 2016 - 2017 Heraldrys Institute of Rome

Social Network

Heraldrys Institute on Facebook