1. Home
  2. Búsqueda apellido
  3. Resultados de la búsqueda
  4. Origen del apellido

Origen del apellido Montera, país de origen: Italia

Nobleza: Conti
Rastro heráldico de la familia: Montera
Corona de la nobleza Montera
La famiglia dei signori di Montereale appare in Friuli al principio del secolo XIII coi fratelli Varnerio e Albertino di Val di Croda, i quali il 25 maggio 1213 venivano investiti dal Patriarca d'Aquileia Wolchero di quella parte dei feudo che già tenevano nel castello di Montereale dai conti di Prata, e della signoria di Malnisio, tanto della porzione già spettante al Patriarca, quanto di quella che da quei conti i due fratelli avevano comperata. Delle genealogie barocche vorrebbero far risalire l'ascendenza di questa casa a un Roberto, che sarebbe venuto nel 930 di Francia in Friuli a difendere il Patriarca Ergelfredo. A parte che nel 930 sulla sedia di Aquileia sedeva, non si sa bene se un orso o un Lupo, la mancanza a quell'epoca di rogiti notarili e di cognomi rende impossibile di provare questa ed altre affermazioni del genere. Successivamente all'accennata prima investitura i signori di Montereale... Continuará

ottennero altri feudi dai Patriarchi di Aquileia e dai Vescovi di Concordia, ed ebbero la giurisdizione civile e criminale nel castello e villa di Montereale e nelle ville di Malnisio e di Barcis. Essi possedettero nei loro beni anche servi di masnada, e coi loro armati presero parte alle lotte fra feudatari. Alcuni di essi si ribellarono al loto legittimo signore, il Patriarca di Aquileia, e furono banditi e i loro beni confiscati. Sibello, figlio di Dorighello, partigiano fervente dei veneziani, ebbe assediato il castello del Patriarca Raimondo delle Torre nel 1290. Il figlio suo Oborighello, pure legato a Venezia, si vide prendere il 24 set. 1346 il castello dal conte Bianchino di Porcia, capitano dei patriarcali. Nel sec. seguente Nicolò, figlio di Sebastiano di Montereale invase e saccheggiò coi suoi vassalli, armati a sue spese, la città imperiale di Pordenone, e perciò fu bandito assieme ai fratelli Daniele e Giovanni dagli stati austriaci, e i suoi beni in Pordenone furono confiscati. In riconoscimento dei danni subiti, Nicolò fu più tardi liberato da Venezia da ogni obbligo di somministrare soldati, cavalli e balestrieri. Alcuni membri di questa fam. risiedettero da antica data in Sacile, ove furono, in epoca imprecisata, aggregati a quel consiglio, e dove possedettero casa e tomba. Sono ricordati nello statuto di Sacile D. Albertino di Montereale, no diritto di sedere in Consiglio.


Comprar un documento heráldico de Montera

Para obtener más información o pregunta, por favor no dude contáctenos:

Escudo de la familia: Montera

Blasòn de la familia

D'azzurro al braccio ristretto tenente una clava posta in banda, sormontata da tre stelle, male ordinate; il tutto d'oro.
Comprar Escudo de la familia

Heraldrys Institute of Rome on Facebook

Heraldrys Institute on Facebook
© 2016 - 2017 Heraldrys Institute of Rome

Social Network

Heraldrys Institute on Facebook