EU Cookie disclaimer: This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Our privacy statement. NO I do not accept
OK close this notice
  1. Home
  2. Search last name
  3. Search Result
  4. Origin of last name

Origin of last name Narde, country of origin: Italia

Nobility: Conti - Nobili - Patrizi
Heraldic trace of family: Narde
Nobility crown Narde
Antica ed illustre famiglia, detta Nardo, Nardi o de' Nardi, originaria della Toscana, propagatasi, nel corso dei secoli, in diverse regioni d'Italia. Tal cognominizzazione, al dir di illustri genealogisti, dovrebbe essere un patronimico, ovvero qualche antenato della famiglia si illustrò talmente per i suoi meriti che tramandò il suo nome a tutti i suoi discendenti come cognome. La base è il nome proprio Nardo, già comune nel XII-XIII secolo, ipocoristico aferetico di Bernardo o Leonardo. Il ramo residente in Siena, originario di Chiusi, ove aveva il titolo comitale, venne aggregato al Monte del Popolo, creato nella seconda metà del XIV secolo, ottenendo il Supremo Magistrato, in persona di Mariano di Meo. Unitasi con la chiara famiglia Dei, diede vita ad i Nardi-Dei, i quali furono ascritti al Patriziato di Siena con rescritto granducale del 21 luglio 1854. Arme della famiglia: inquartato nel I°e 4°di Dei, che è troncato : a)... To be continued
d'oro all'aquila bicipite di nero coronata del campo ; b) d'azzurro a tre anelli male ordinati e intrecciati, d'oro ; nel 2°e nel 3°di Nardi, che è d'argento all'aquila di nero coronata d'oro. I Nardi di Firenze, invece, risultano divisi in: Nardi da Vaglia, dall'omonimo domino che ebbero, i quali ottennero il priorato, nel 1384, in persona di Giovanni (arme: d'azzurro, ad un monte di sei cime d'oro, sormontato da un crescente d'argento, accompagnato da due stelle d'oro, una in capo e due nei fianchi)e Nardi dei Sangallini, originari di San Felice a Ema e trapiantati in Firenze, nel XV secolo, con un Nardo, il cui figlio Michele, fu il primo della propria casa a conseguire il priorato. Ne seguirono altri venti (arme: spaccato di rosso e di argento; questo caricato di tre pugnali del primo posti in fascia, uno sopra l'altro). I Nardi di Lucca, invece, ebbero per arme: d'oro al monte di tre cime di verde, movente dalla punta, sormontato da una torre di rosso, cimata di tre aquilotti di nero, quello nel mezzo tenente nel becco un ramo d'olivo al naturale. Il ramo di Montepulciano si illustrò, poi, con quel Giambattista, famoso medico ed archiatro di Cosimo II, alzando per arme: d'azzurro a due M di nero, l'uno sopra l'altro, accompagnati in capo da una crocetta d'oro. Il ramo pistoiese, invece, porta lo scudo palato d'azzurro e d'argento; l'azzurro è il colore del cielo, simboleggia tutte le idee che salgono alte, rappresenta la fermezza incorruttibile a somiglianza del cielo che non è soggetto a corruzione; è simbolo di gloria poiché questa si innalza sulle cose terrene della virtù, dote celeste. L'argento fu il colore dei guelfi e dei bianchi d'Italia. E' simbolo d'amicizia, equità, giustizia, innocenza e purezza. Altro ramo. Antica famiglia aretina, ammessa alle più alte cariche fino dal 1458, nel quale anno Gaspare di Angelo fece parte del General Consiglio. Pietro, di Gasparre, nel 1521, fu Gonfaloniere di Giustizia, onore riservato soltanto ai rappresentanti delle famiglie di primaria nobiltà. La famiglia fu ascritta al patriziato di Arezzo con decreto del 14 giungo 1756. È iscritta nell'Elenco Ufficiale Italiano col titolo di Patrizio di Arezzo (mf.), in persona dei discendenti da Luigi, di Giuseppe, di Francesco. Arme della famiglia. D'azzurro a due fasce d'oro. Altro ramo. Nobile famiglia di Velletri, che ha dato alla patria consiglieri e conservatori. Il primo di cui si abbia memoria è Lello di Pietro che era del Consiglio e dei nove buoni uomini nel 1316. Un Bernardino di Ciccio, nel 1506 era pur del Consiglio e conestabile dei balestrieri, e così pure nel 1510 un Sebastiano. Nel 1782 troviamo fra i conservatori uno Stefano, il figlio del quale, Pietro-Antonio, sostenne la medesima carica. Arme: Spaccato d'azzurro e d'argento, a tre stelle d'oro nel 1° e al monte isolato di tre cime di verde su cui poggia una civetta al naturale, sinistrata da un ramo di nardo dello stesso. Altro ramo. Famiglia ascritta al nobile Consiglio di Ceneda nel 7 agosto 1801.

Buy a heraldic document on family Narde

For more information or questions please do not hesitate contact us:

Coat of Arms of family: Narde

Blazon of family

Inquartato nel 1° e nel 4° troncato; a) d'oro all'aquila bicipite di nero coronata del campo, b) d'azzurro a tre anelli male ordinati e intrecciati d'oro, nel 2° e nel 3° d'argento all'aquila di nero coronata d'oro.
Buy Coat of Arms of family

Heraldrys Institute of Rome on Facebook

Heraldrys Institute on Facebook
© 2016 - 2017 Heraldrys Institute of Rome

Social Network

Heraldrys Institute on Facebook