1. Origine del cognomeNaseddu, provenienza: Italia

    Titolo: Principi
    Traccia araldica della famiglia:Naseddu
    Corona nobiliare Naseddu
    Si vuole originaria dai Longobardi, dominatori d'Italia, passata in Sicilia nel secolo XIII; il Villabianca, parlando di Periconio Naselli, che dice essere stato possessore del feudo Mastra nel 1298, scrive (Sicilia Nobile, vol., 3 pag. 186): "Periconio Naselli seniore, che derivando sua origine dalla reale schiatta de' Longobardi d'Italia, era passato in Sicilia a servizi del Ser.mo Re Federigo II". Possedette i principati di Aragona e di Poggioreale, il ducato di Casalnuovo-Gela; i marchesati di Flores e di Gibellina; la contea di Corniso; le baronie di Budigiano, Castellammare del Golfo, Imbrici, Mastra, Pirrera, Pumo, ecc. Un Pericornio, con privilegio dato a 3 dicembre 1438, esecutoriato a 2 aprile 1439 ottenne concessione dell'ufficio di maestro notaro della corte capitaniale di Piazza; un Riccardo, con privilegio del 5 aprile 1446, ottenne conferma del feudo Mastra, posseduto già dai genitori di detto Riccardo e del quale, a 28 marzo 1456, ottenne investitura... Continua
    Pericornio,regio segretario,che aveva acquistato da Bernardo Giovanni Cabrera conte di Modica il feudo Comiso con il suo castello,acquisto confermato con privilegio dato in Palermo il 3 gennaio 1453.Fu detto Periconio,familiare di re Alfonso,del quale fu ambasciatore presso Principi e presso il Pontefice(Villabianca,loc.cit.pag.187)e con privilegio dato a 27 agosto 1448 esecutoriato a 8 aprile 1451 gli accordò per lui,per il padre Riccardo,barone della Mastra,per i fratelli Ruggero e Giovanni e per tutti i loro posteri maschi,l'esenzione di qualsiasi imposta, tassa, gabella, ecc, presenti e future per tutta la Sicilia e la facoltà di portare qualsiasi arma anche proibita ed il godimento di un foro speciale per tutte le cause civili e criminali. Un Ruggero, barone di Mastra, fu capitano di giustizia in Caltagirone nel 1451; un Pietro, detto anche Periconetto, figlio di Ruggero, fu investito di Comiso e di Mastra a 3 novembre 1479; un Baldassarre, figlio del precedente, ebbe investitura dei detti feudi a 10 giugno 1518, sposò Isabella Montaperto e Bonito, di Luigi, che gli portò in dote la baronia di Diesi e il feudo Macalubba e ne venne, maritati nomine, investito a 19 gennaio 1517; Gaspare Naselli e Bonito di Baldassarre, fu investito di Diesi a 14 marzo 1549, di Comiso e di Mastra a 22 settembre 1555, marito di Antonella de Jean di Vincenzo, barone di Fiumesalato e padre di Gaspare, che fu barone di Comiso, Diesi, Mastra, per investitura del 15 luglio 1558, e con privilegio dato a 20 giugno esecutoriato a 13 settembre 1571, ottenne concessione del titolo di conte di Comiso.

    Compra un documento araldico su Naseddu

    Per informazioni non esiti a contattare il nostro esperto Araldico:

    Stemma della famiglia:Naseddu

    Stemma  della famiglia Naseddu

    Blasone della famiglia

    Di azzurro, con una fascia sormontata da un leone ( alias coronato) nascente, accompagnato in punta da tre palle allineate in fascia, il tutto d'oro.
    Compra una riproduzione dello Stemma
    Heraldrys Institute on Facebook
© 2016 - 2017 Heraldrys Institute of Rome
900){cwidth=cheight="80%"}else if(screen.availWidth>470){cwidth=cheight="90%"}else{cwidth="90%";cheight="60%"}$("[rel^='img-']").colorbox({photo:!0,width:cwidth,height:cheight});$(".spin").click(function(event){spinner()});$("[rel='buy']").click(function(event){event.preventDefault();spinner();href=$(this).attr('href').replace("/buy",urmod+"cart.php");$.get(href,function(data){location.replace('/buy/?'+$.now())})})});function spinner(){};function spinner_end(){$('#spinner_one').hide()};function onsubmit_validate_field(name,minlength,email,compareTo){value=$('#'+name).val();length=value.length;if(minlength&&length0){if(minlength&&lengthi?e+i:i}function a(t,e){return Math.round((/%/.test(t)?("x"===e?E.width():o())/100:1)*parseInt(t,10))}function s(t,e){return t.get("photo")||t.get("photoRegex").test(e)}function l(t,e){return t.get("retinaUrl")&&i.devicePixelRatio>1?e.replace(t.get("photoRegex"),t.get("retinaSuffix")):e}function d(t){"contains"in x[0]&&!x[0].contains(t.target)&&t.target!==v[0]&&(t.stopPropagation(),x.focus())}function c(t){c.str!==t&&(x.add(v).removeClass(c.str).addClass(t),c.str=t)}function g(e){A=0,e&&e!==!1&&"nofollow"!==e?(W=t("."+te).filter(function(){var i=t.data(this,Y),n=new r(this,i);return n.get("rel")===e}),A=W.index(_.el),-1===A&&(W=W.add(_.el),A=W.length-1)):W=t(_.el)}function u(i){t(e).trigger(i),ae.triggerHandler(i)}function f(i){var o;if(!G){if(o=t(i).data(Y),_=new r(i,o),g(_.get("rel")),!U){U=$=!0,c(_.get("className")),x.css({visibility:"hidden",display:"block",opacity:""}),I=n(se,"LoadedContent","width:0; height:0; overflow:hidden; visibility:hidden"),b.css({width:"",height:""}).append(I),j=T.height()+k.height()+b.outerHeight(!0)-b.height(),D=C.width()+H.width()+b.outerWidth(!0)-b.width(),N=I.outerHeight(!0),z=I.outerWidth(!0);var h=a(_.get("initialWidth"),"x"),s=a(_.get("initialHeight"),"y"),l=_.get("maxWidth"),f=_.get("maxHeight");_.w=Math.max((l!==!1?Math.min(h,a(l,"x")):h)-z-D,0),_.h=Math.max((f!==!1?Math.min(s,a(f,"y")):s)-N-j,0),I.css({width:"",height:_.h}),J.position(),u(ee),_.get("onOpen"),O.add(F).hide(),x.focus(),_.get("trapFocus")&&e.addEventListener&&(e.addEventListener("focus",d,!0),ae.one(re,function(){e.removeEventListener("focus",d,!0)})),_.get("returnFocus")&&ae.one(re,function(){t(_.el).focus()})}var p=parseFloat(_.get("opacity"));v.css({opacity:p===p?p:"",cursor:_.get("overlayClose")?"pointer":"",visibility:"visible"}).show(),_.get("closeButton")?B.html(_.get("close")).appendTo(b):B.appendTo("
"),w()}}function p(){x||(V=!1,E=t(i),x=n(se).attr({id:Y,"class":t.support.opacity===!1?Z+"IE":"",role:"dialog",tabindex:"-1"}).hide(),v=n(se,"Overlay").hide(),L=t([n(se,"LoadingOverlay")[0],n(se,"LoadingGraphic")[0]]),y=n(se,"Wrapper"),b=n(se,"Content").append(F=n(se,"Title"),R=n(se,"Current"),P=t('