1. Home
  2. Ricerca Cognome
  3. Risultato della Ricerca
  4. Origine del cognome

Origine del cognome Nazio, provenienza: Italia

Titolo: Baroni - Nobili
Traccia araldica della famiglia: Nazio
Corona nobiliare Nazio Alcuni la vogliono originaria di Genova; altri di Pavia e la dicono portata in Sicilia sotto Federico II. Degni di nota un giudice Nazio, avvocato fiscale della Gran Corte del Regno 1377; un Muzio che, come marito di Isabella Chilona, ottenne con privilegio del 31 agosto 1408 conferma del feudo Boscaglia; un Matteo che fu vice secreto del contado di Agosta 1409; un Giovanni che fu vice portulano della Bruca e di Lentini, 1410; un Giovan Vincenzo che fu capitano di giustizia di Caltagirone nel 1533-34; un dottor Francesco che fu segretario referendario del regno di Sicilia, 1721; un dottor Mario Giuseppe, che acquistò il titolo di barone di Nasari del quale ottenne investitura a 27 aprile 1812 e fu ascritto alla mastra nobile di Messina del 1798-1807. Nel 1882, al dire del Galluppi, aveva diritto al titolo di barone di Nasari il signor Mario Nazio. Altro ramo. Famiglia calabrese,... Continua
iscritta nel Libro d'Oro della Nobiltà Italiana e nell'Elenco Ufficiale col titolo di Nobile e predicato di San Barbato. Con regio assenso del 7 gennaio 1806 Giovan Antonio de Jorio ottenne il possesso di San Barbato in Principato Ultra. Dal detto Giovan Antonio discese Maria Teresa Luisa de Jorio madre del commendatore Francesco, di Giovanni Nazio, iscritto con detto titolo e predicato del nuovo Elenco Ufficiale Italiano. Altro ramo. Antica e nobile famiglia originaria dalla Spezia, donde si portarono ad abitare in Genova nel 1239. Giacomo consigliere della Repubblica nel 1252; Donato abate del popolo in Genova nel 1294; Luchino podestà di Savona nel 1339; Bartolomeo, podestà di Savona nel 1350; Clemente capitano di dieci galere genovesi, trasferiva papa Urbano VI da Napoli a Genova nel 1385; Luchino quondam Raffele capitano di Limisso nel 1411, commissario nell'armata che sotto il comando di Biagio Aniceto vinse gli Aragonesi a Ponza nel 1435, e quini podestà di Pera nel 1437; Bartolomeo, insigne latinista, caro ad Alfonso re di Napoli, dove morì nel 1457; Giovanni ambasciatore a Luigi XII di Francia nel 1499. Nel 1528 i Nazio furono ascritti, parte nei Lomellini, e parte nell'Imperiale. Altro ramo. Antica e nobile famiglia originaria di Musestre, si estinse nel 1209.

Compra un documento araldico su Nazio

Per informazioni non esiti a contattare il nostro esperto Araldico:

Stemma della famiglia: Nazio

Blasone della famiglia

D'azzurro al leone coronato di oro attraversato da una banda di rosso.
Compra una riproduzione dello Stemma

Heraldrys Institute of Rome on Facebook

Heraldrys Institute on Facebook
© 2016 - 2017 Heraldrys Institute of Rome

Social Network

Heraldrys Institute on Facebook