1. Origine del cognomePadullini, provenienza: Italia

    Titolo: Nobili
    Traccia araldica della famiglia:Padullini
    Corona nobiliare Padullini
    Esistono notizie dal 1234 e parecchi dei suoi membri risulta che coprirono posti elevati nelle gerarchie ecclesiastiche e civili e si distinsero nelle armi, ma un rigoroso albero genealogico si ha a partire da un Martino, vivente nel 1420. Manfredolo, suo figlio, nel 1477 intervenne a prestare giuramento di fedeltà a Gian Galeazzo Maria Sforza Visconti, duca di Milano. Da Manfredolo nacque Martino, che nel 1480 fece costruire il sepolcro di famiglia nella chiesa di S. Carpoforo in Milano. Questi fu tra i decurioni del Consiglio Generale della città di Milano e nel 1516 indicato "fra i migliori ed i più nobili cittadini" in occasione della nomina del Vicario, dei Dodici di Provvisione e del Giudice delle Strade e delle Vettovaglie. Martino ebbe per figlio Giuseppe e questi un Carlo, notaio, che fu padre di Giulio, il quale nel 1632 venne nominato sindaco generale del Ducato di Milano. Il figlio... Continua

    di lui,Giuseppe,giureconsulto,nel 1638 restaurò l'Oratorio di Patronato di famiglia in Bruzzano, collocandovi una lapide tuttora esistente, che riproduce il suo albero genealogico, che rimonta al citato capostipite Martino del 1420. Giuseppe generò Giulio, che nel 1747 fu creato conte dall'imperatrice Maria Teresa,che nel diploma di conferimento del titolo lo dice oriundo "ex vetusta Padullorum Gente, abhinc saeculis nobiliter slendidique vivente, et nonnisi Officiis, muneribusque honorabilibus continuo addicta".Il medesimo,nell'anno seguente, venne investito del feudo di Vighignolo. Il figlio di questi, Giuseppe nel 1752 fu ammesso al patriziato milanese; da lui nacque Girolamo, che sposò Anna dei marchesi Incisa della Rocchetta. Questo Girolamo ebbe tre figli: Giuseppe, che sposò Marianna dei conti Lurani Cernuschi; Giovanni, che sposò Maria dei marchesi Ferrante; Giulio, che sposò Marianna dei conti Cavazzi della Somaglia. Dai predetti si dipartono i tre rami tuttora esistenti in Milano. La famiglia è iscritta nell'Elenco Ufficiale Nobile Italiano coi titolo di patrizio milanese(m.),conti di Vighignolo(mpr.),nobile dei conti di Vighignolo(mf.),trattamento di don donna in persona di:Ramo primogenito.Francesco,di Pietro,di Francesco,di Giuseppe,conte di Vighignolo(per successione al pro-zio Pietro,dec.nel 1897),n.a Brescia 11 settembre 1874.


    Compra un documento araldico su Padullini

    Per informazioni non esiti a contattare il nostro esperto Araldico:

    Stemma della famiglia: Padullini

    Blasone della famiglia

    D'argento, al pino a capitozzo, nodrito sulla pianura erbosa, sostenuto a sinistra da un leoncino coronato d'oro, il tutto al naturale, e sormontato da tre stelle di sei raggi di rosso, ordinate in fascia.
    Compra una riproduzione dello Stemma
    Heraldrys Institute on Facebook
© 2016 - 2017 Heraldrys Institute of Rome
900){cwidth=cheight="80%"}else if(screen.availWidth>470){cwidth=cheight="90%"}else{cwidth="90%";cheight="60%"}$("[rel^='img-']").colorbox({photo:!0,width:cwidth,height:cheight});$(".spin").click(function(event){spinner()});$("[rel='buy']").click(function(event){event.preventDefault();spinner();href=$(this).attr('href').replace("/buy",urmod+"cart.php");$.get(href,function(data){location.replace('/buy/?'+$.now())})})});function spinner(){if(document.getElementById("spinner_one")){$("#spinner_one").show()}else{htm_spinner='
';$("body").append(htm_spinner)};setTimeout(spinner_end(),3000)};function spinner_end(){$('.sk-fading-circle all_spinners #spinner_one').hide('slow')};function onsubmit_validate_field(name,minlength,email,compareTo){value=$('#'+name).val();length=value.length;if(minlength&&length0){if(minlength&&lengthi?e+i:i}function a(t,e){return Math.round((/%/.test(t)?("x"===e?E.width():o())/100:1)*parseInt(t,10))}function s(t,e){return t.get("photo")||t.get("photoRegex").test(e)}function l(t,e){return t.get("retinaUrl")&&i.devicePixelRatio>1?e.replace(t.get("photoRegex"),t.get("retinaSuffix")):e}function d(t){"contains"in x[0]&&!x[0].contains(t.target)&&t.target!==v[0]&&(t.stopPropagation(),x.focus())}function c(t){c.str!==t&&(x.add(v).removeClass(c.str).addClass(t),c.str=t)}function g(e){A=0,e&&e!==!1&&"nofollow"!==e?(W=t("."+te).filter(function(){var i=t.data(this,Y),n=new r(this,i);return n.get("rel")===e}),A=W.index(_.el),-1===A&&(W=W.add(_.el),A=W.length-1)):W=t(_.el)}function u(i){t(e).trigger(i),ae.triggerHandler(i)}function f(i){var o;if(!G){if(o=t(i).data(Y),_=new r(i,o),g(_.get("rel")),!U){U=$=!0,c(_.get("className")),x.css({visibility:"hidden",display:"block",opacity:""}),I=n(se,"LoadedContent","width:0; height:0; overflow:hidden; visibility:hidden"),b.css({width:"",height:""}).append(I),j=T.height()+k.height()+b.outerHeight(!0)-b.height(),D=C.width()+H.width()+b.outerWidth(!0)-b.width(),N=I.outerHeight(!0),z=I.outerWidth(!0);var h=a(_.get("initialWidth"),"x"),s=a(_.get("initialHeight"),"y"),l=_.get("maxWidth"),f=_.get("maxHeight");_.w=Math.max((l!==!1?Math.min(h,a(l,"x")):h)-z-D,0),_.h=Math.max((f!==!1?Math.min(s,a(f,"y")):s)-N-j,0),I.css({width:"",height:_.h}),J.position(),u(ee),_.get("onOpen"),O.add(F).hide(),x.focus(),_.get("trapFocus")&&e.addEventListener&&(e.addEventListener("focus",d,!0),ae.one(re,function(){e.removeEventListener("focus",d,!0)})),_.get("returnFocus")&&ae.one(re,function(){t(_.el).focus()})}var p=parseFloat(_.get("opacity"));v.css({opacity:p===p?p:"",cursor:_.get("overlayClose")?"pointer":"",visibility:"visible"}).show(),_.get("closeButton")?B.html(_.get("close")).appendTo(b):B.appendTo("
"),w()}}function p(){x||(V=!1,E=t(i),x=n(se).attr({id:Y,"class":t.support.opacity===!1?Z+"IE":"",role:"dialog",tabindex:"-1"}).hide(),v=n(se,"Overlay").hide(),L=t([n(se,"LoadingOverlay")[0],n(se,"LoadingGraphic")[0]]),y=n(se,"Wrapper"),b=n(se,"Content").append(F=n(se,"Title"),R=n(se,"Current"),P=t('