1. Home
  2. Suche Nachnamens
  3. Suchergebnis
  4. Herkunft des Familiennamens

Herkunft des Familiennamens Palai, Herkunftsland: Italia

Adelsstand: Nobili
Heraldische Spur die Familie: Palai
Krone des Adels Palai
Veramente questa famiglia sarebbe Mavarelli Druda perché l'attuale rappresentante, Nobile Giuseppe Calai, non è altro che il Nobile Giuseppe Mavarelli Druda, anzi il primogenito del nonno materno, Nobile Enrico Calai di Gualdo Tadino, in data 15 gennaio 1871 e convalidato con Regio Decreto del I dicembre 1922, assunse il solo cognome Calai e l'arma di questa nobilissima famiglia. Per notizie e armi delle nobili famiglie Mavarelli e Mavarelli Druda vedi Vol. IV, pag. 502. La famiglia è originaria di Francia e credesi abbia assunto il cognome da Calais, città di sua provenienza. Passò in Italia nel secolo XVI a mezzo di capitani di ventura. Si stabilì prima in Piemonte e poi a Gualdo Tadino nella quale città fu ascritta al Patriziato. Papa Clemente VIII con Bolla del 16 agosto 1604 concesse ad Enrico la sopra descritta arma; Ludovico, suo fratello, vestì l'abito di Cavaliere di Malta; Francesco nel 1786 fu... Fortsetzung folgt

nominato Cavaliere del S.R.I. e da tale epoca la famiglia accollò lo scudo dell'arma all'aquila bicipite; Roberto, ultimo di sua nobilissima famiglia abbracciò la carriera ecclesiastica e S.S. Pio X lo nominò Vescovo titolare di Eston, morì il 19 giugno 1922. Fu munificentissimo verso la città nativa Gualdo Tadino; infatti la dotò di un ospedale e di un collegio per l'educazione dei fratelli, decorò, sempre a sue spese, la Cattedrale di S. Benedetto, e si può dire che non vi sia istituzione beneficata. Per queste sue grandi benemerenze fu insignito della Commenda dell'Ordine della Corona d'Italia e del Cavalierato dell'Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro; fu anche membro di molte accademie letterarie. Nella famiglia Calai si estinse nel secolo XIX quella antichissima ed illustre dei Marioni, patrizia di Gubbio. Il Sansovino nella sua "Storia delle Famiglie Illustri d'Italia" a pag. 340 e segg. dice dei Marioni, che fin dal VI secolo Teodosio e Fruttuoso furono Vescovi di Gubbio, e che nell'815 Adalberto fu Arcivescovo di Milano. I Marioni presero parte attiva alle lotte che insanguinarono l'Italia nel Medioevo militando nella fazione ghibellina, emuli dei Gabrielli e dei Della Branca. Di un Alberto le antiche cronache dicono essere stato, all'epoca di Re Arturo, Cavaliere della Tavola Rotonda (Sansovino, Op. cit. pag. 342); di un Giulio che fu creato Conte e Tolare e Camerlengo di S. Croce di Fonte Avellana; Filippo, medico nel 1512 del Re d'Ungheria.


Kaufen Sie eine heraldische Dokument auf Familie Palai

Bitte für weitere Informationen oder Fragen zögern Sie nicht, kontaktieren Sie uns:

Familien-Wappen: Palai

Blasonierung die Familie

D'azzurro alla sbarra di rosso cucita e caricata da un leone al naturale posto nel senso della sbarra e fuggente in basso; accompagnato in capo da un aquilone uscente dal canton destro dello scudo; ed in punta da un mare ondato d'argento su sui sorge una luna nascente dello stesso.
Kaufen Familien-Wappen

Heraldrys Institute of Rome on Facebook

Heraldrys Institute on Facebook
© 2016 - 2017 Heraldrys Institute of Rome

Social Network

Heraldrys Institute on Facebook