1. Home
  2. Suche Nachnamens
  3. Suchergebnis
  4. Herkunft des Familiennamens

Herkunft des Familiennamens Pispoli, Herkunftsland: Italia

Adelsstand: Nobili - Cavalieri - Feudatari
Heraldische Spur die Familie: Pispoli
Krone des Adels Pispoli Antichissima famiglia del Regno di Napoli, di chiara ed avita virtù, la quale ha partecipato alla storia di Napoli ed alle sue vicende, concorrendo non poco alla nobiltà e alle cariche istituzionali della stessa città, propagandosi, poi, nel corso dei secoli, in diverse regioni d'Italia. L'origine di tal cognominizzazione, al dir di illustri genealogisti, andrebbe ricercata nel nome medioevale, di matrice longobarda, "Rispolo", appartenuto, probabilmente, ad un, oggi ignoto, capostipite. In ogni modo, tal nobile casato, sempre si distinse, grazie agli elevati personaggi, a cui diede i natali. Tra questi, senza nulla levar al valore degli omessi, ricordiamo: Ignazio, architetto, vivente in Napoli, nel 1770; P. Pier Luigi, nato in Pogerola, nel 1778, della Congregazione del Santissimo Redentore, eccelso letterato e teologo, rettore del Collegio di Nocera dei Pagani ed istitutore di quello di Spoleto; Salvatore, napoletano, compositore e maestro di cappella, alunno del Conservatorio di S.Onofrio, nominato Direttore dei... Fortsetzung folgt

Conservatori di Napoli, nel 1792; Vincenzo, feudatario di Oria, nel brindisino, nel XIX secolo; Mons. Andrea Maria, della Congregazione del Santissimo Redentore, creato Vescovo di Squillace, il 17 marzo 1826; Cav. D. Crescenzo, Chirurgo Primario, nel XIX secolo; D. Ferdinando e D. Benedetto, professori del Real Istituto di Belle Arti, nel XIX secolo; Vincenzo, caporale di prima classe, fregiato di medaglia di bronzo al merito, avente da un lato l'effige di Pio IX e dall'altro la leggenda "Benemerenti", il 30 novembre 1815; Tommaso, titolare dell'omonima tipografia napoletana, vivente nel 1840; Marco, cancelliere e secondo sergente dei veterani, negli Abruzzi, vivente nel 1856; rev. D. Matteo, Canonico della Cattedrale di Castellamare, socio della Sapienza di Roma, chiaro letterato, vivente nel 1859; Andrea, ufficiale telegrafico in Salerno, nel 1861; Cav. Alfonso, creato sotto-prefetto a Lanciano e Campagna, con decreto 31 marzo 1863; Giuseppe, esimio, pittore, nato in Napoli nel 1882 e scomparso nel 1960. La famiglia inoltre, un cui ramo si insediò in Guardavalle, ivi ha posseduto l'omonimo Palazzo, affacciato su Corso Sirleto, di epoca ottocentesca. Dello stesso periodo, e ad opera della stessa famiglia Rispoli, è l'edificio costuito in contrada "Coltura". La costruzione è a pianta quadrata, con due torri cilindriche ai due lati d'ingresso; sorge sulla cima di una collina che chiude verso est la conca in cui sorge Guardavalle. La presenza del motto, infine, nella bibliografia documentata della famiglia, ci conferma l'avita nobiltà raggiunta dalla stessa. Motto della famiglia: Bene docet. I cognomi così antichi, senza dubbio alcuno, rendono decoro non solo alle famiglie ma anche alle città che li hanno accolti; pare siano, infatti, molto riguardevoli i soggetti viventi di questa famiglia che, con tanto decoro, sostentano questo nobile cognome, che ha avuto vari soggetti illustri.


Kaufen Sie eine heraldische Dokument auf Familie Pispoli

Bitte für weitere Informationen oder Fragen zögern Sie nicht, kontaktieren Sie uns:

Familien-Wappen: Pispoli

Blasonierung die Familie

D'oro, a tre bande di rosso; col capo d'azzurro, caricato di una rosa di rosso, bottonata d'oro.
Kaufen Familien-Wappen

Heraldrys Institute of Rome on Facebook

Heraldrys Institute on Facebook
© 2016 - 2017 Heraldrys Institute of Rome

Social Network

Heraldrys Institute on Facebook