EU Avviso cookies: Questo sito fa uso dei cookies per migliorare la sua esperienza. Se non li gradisse può inibirne l'uso regolando il suo browser nella sezione strumenti e modificando le impostazioni dei cookies. Informazioni sulla privacy. Non Accetto
OK Accetto Chiudi questo avviso.
  1. Home
  2. Ricerca Cognome
  3. Risultato della Ricerca
  4. Origine del cognome

Origine del cognome Pomani, provenienza: Italia

Titolo: Conti - Nobili
Traccia araldica della famiglia: Pomani
Corona nobiliare Pomani Nobile famiglia di Camerino, ma oriunda da Fermo. Forse è una branca dell'omonima famiglia fermana e maceratese, cosa che non si è ancora potuto stabilire con certezza. Savino Pomani, sulla fine del 1700 si trasferì da Fermo a Camerino avendo sposato una donna di Casa Mariani. Egli fu dunque il capostipite della famiglia in Camerino. Mortagli la prima moglie sposò Elisabetta Missini di Orvieto, vedova del marchese Alessandro Sigismondo Bandini di Camerino. Dalla prima moglie ebbe Giuseppe (1803-1876). Questi il 17 aprile 1816 fu creato, da Ferdinando IV re delle Due Sicilie, cavaliere di Costantino Magno; con ampio Breve di Leone XII del 21 gennaio 1825 egli con tutti i suoi discendenti maschi in infinito fu creato conte palatino; e nel 1856 fu aggregato con tutta la famiglia alla Nobiltà di Camerino. Nel 1827 sposò la contessa Carolina Pocci di Viterbo, figlia del conte Piergiovanni e della marchesa... ContinuaOlimpia Gualtiero e nipote del cardinale Cesare Guerrieri Gonzaga. Da questo matrimonio ne vennero due maschi: Francesco Saverio e Piergiovanni, che furono i capostipiti delle due diramazioni in cui è oggi divisa la famiglia Pomani: quella di Camerino e quella di Matelica. Piergiovanni (n. 1834) fu quegli che trapiantò la sua discendenza a Matelica, avendo sposato il 26 agosto 1857 la marchesa Gabriella Fiinaguerra, di nobile famiglia di Matelica; il loro figlio Carlo (n. 18 giugno 1858) per rilascito patrimoniale di suo zio marchese Bernardino Finaguerra, ebbe l'obbligo di aggiungere, per se e discendenti, il cognome Finaguerra ed inquartare lo stemma della nobile casata, come tuttora portano. Francesco Saverio (n. 1829 e dec. 1900), sposò in prime nozze la contessa Giulia Cesarina Brancadoro di Fermo, la quale morì nel 1861 dando alla luce una figlia Giulia, tuttora vivente e in seconde nozze Corinna Napolioni di Camerino, da cui ebbe gli attuali rappresentanti questa nobile famiglia Romani in Camerino. La famiglia è iscritta nell'Elenco Nobile Ufficiale Italiano con i seguenti titoli: nobile di Camerino (mf.), conte palatino (m.). Oggi è così rappresentata: Ramo primogenito o di Camerino. Romano, nato a Camerino 9 novembre 1864 dai furono conte Francesco Saverio (1829, defunto 1900) e Corinna Napolioni (1842, defunto 1884); sposato 30 ottobre 1903.ato a Camerino 1866, dal conte Francesco Saverio e Corinna Napolioni; Carolina, nata a Camerino 1868 dai suddetti; sposata Umberto Pelliccioni di Monsampolo sul Tronto; Sofia (nata 1870).
Compra un documento araldico su Pomani

Per informazioni non esiti a contattare il nostro esperto Araldico:

Stemma della famiglia: Pomani

Blasone della famiglia

Partito: nel primo di rosso, al leone d'oro sostenente colla branca destra un semivolo d'argento, ed una striscia bianca svolazzante (alias: ferma) sulla di lui testa con scritte le parole: Virtus ad alta volat; nel secondo inquartato di rosso e d'oro.
Compra una riproduzione dello Stemma

Heraldrys Institute of Rome on Facebook

Heraldrys Institute on Facebook
© 2016 - 2017 Heraldrys Institute of Rome

Social Network

Heraldrys Institute on Facebook