1. Home
  2. Ricerca Cognome
  3. Risultato della Ricerca
  4. Origine del cognome

Origine del cognome Prosetti, provenienza: Italia

Titolo: Conti - Nobili
Traccia araldica della famiglia: Prosetti
Corona nobiliare Prosetti Originaria di Verona, la si trova stabilita in Forlì fin dal secolo XV. Quivi un Giacomo fu podestà nel 1435. Giuseppe uditore di Rota nel 1563 fu procuratore di Carlo IX Re di Francia; Benedetto-Vittorio, monaco cassinese, fu ambasciatore per il Duca Francesco Farnese, da Filippo V, e poi Vescovo di San Donnino; Francesco, fratello del precedente, fu investito dal suddetto duca della contea di Mangialupo nel 1708, trasmissibile a tutti i suoi discendenti maschi; Cristoforo fu condottiero della fanteria di Caterina Sforza contro i Fiorentini e siniscalco degli Ordelaffi, ed un altro Cristoforo vestì l'abito dei cavalieri di S. Stefano di Toscana. Si estinse nel 1863 con la morte del conte Luigi, il quale lasciò tutti i suoi averi ad Agricola Petrucci nipote di una sua sorella. Altro ramo. Originaria di Parma, solamente il motto ed il blasone sono riportati negli archivi araldici. La presenza dell'arma e del motto... Continuanella bibliografia documentata della famiglia Prosetti ci conferma l'avita nobiltà raggiunta dalla casata. Infatti l'origine del motto risale a circa il XIV secolo e deve essere ricercata in quei detti arguti che venivano scritti sui vessilli o bandiere dei cavalieri, esposti alle finestre delle locande in cui questi alloggiavano, in occasione dei tornei, e durante i tornei stessi. Il motto era un pensiero espresso in poche parole facente allusione a un sentimento palese o nascosto, a una qualità, a un ricordo storico, per stimolo al coraggio o onore. Era scelta dal capo della famiglia, dal cavaliere entrante in lizza o data dal sovrano al proprio uomo ligio. Motto della famiglia. Crescit suo lumine sidus.
Compra un documento araldico su Prosetti

Per informazioni non esiti a contattare il nostro esperto Araldico:

Stemma della famiglia: Prosetti

Blasone della famiglia

Troncato da uno scaglione d'oro; nel primo d'azzurro a tre gigli d'oro male ordinati; nel secondo d'argento al pollo fermo su una zolla erbosa, uscente alla punta dello scudo, il tutto al naturale.
Compra una riproduzione dello Stemma

Heraldrys Institute of Rome on Facebook

Heraldrys Institute on Facebook
© 2016 - 2017 Heraldrys Institute of Rome

Social Network

Heraldrys Institute on Facebook