1. Home
  2. Ricerca Cognome
  3. Risultato della Ricerca
  4. Origine del cognome

Origine del cognome Ragazzone, provenienza: Italia

Titolo: Nobili
Traccia araldica della famiglia: Ragazzone
Corona nobiliare Ragazzone Originari di Valtorta (Bergamo) i Ragazzone diramarono nei primi secoli del mille a Brescia, nel Canton Ticino, a Venezia ed altrove. In Venezia furono nel XV sec. celebri stampatori e, nel secolo seguente, vi si stabilì Benedetto che, dalla moglie Elisabetta Ricci, ebbe quattro figli: Gerolamo, Giacomo, Placido e Agostino. Nato a Venezia nel 1537 il primogenito scelse, per vocazione, vita religiosa, studiò legge a Padova indi, consacrato, si recò a Roma ove Paolo IV, apprezzandone le doti, lo nominò suo cameriere poi, a soli 25 anni, vescovo di Naziano ed ausiliare di Famagosta nell'isola di Cipro. Il 3 e 4 dicembre 1563 chiuse l'ultima sezione del Concilio di Trento con una assai erudita dissertazione, che destò l'ammirazione dei RR. Padri. Ritornato a Famagosta, succedette al defunto titolare ed intraprese la riforma del clero secondo i canoni tridentini; la città fu assediata dai turchi ed egli, eludendo la vigilanza navale... Continuaforzò il blocco, corse a Venezia per sollecitare aiuti da quel Senato ma, nel frattempo, l'isola fu espugnata ed i 4 agosto 1571 cadde in potere degli infedeli. Riteniamo che la Serenissima, per premiare l'opera da lui svolta in quel possedimento, concedesse il 24 febbraio 1576 ai tre fratelli, su citati, il feudo comitale di S. Odorico nel Friuli. Privato della diocesi, Gerolamo fu da Gregorio XII nominato vescovo di Kissamos a Creta e gli affidò l'improbo incarico di Visitatore apostolico a numerose diocesi dell'Italia settentrionale, tra cui quella di Tortona, ove si soffermò dal giugno al settembre 1576 stimolando, con una raccolta di decreti l'apatia del clero, abulico ed incolto, delle congregazioni, degli ospizi, dei monasteri in preda quest'ultimi ai più licenziosi costumi ed a ribalderie di ogni sorta; d'intesa con il card. Carlo Borromeo tentò scalzare dalla sua Sede mons. Cesare Gambara, sovente afflitto da malanni, per dargli a successore Alessandro Sauli vescovo di Aleria (Sardegna), ma il nostro presule, "il vescovo riformatore e costruttore", che già predisponeva per la propria successione abbandonò, l'11 ottobre 1591, questa valle di lacrime. Nel 1577 è nominato vescovo di Bergamo, nel 1583 nunzio apostolico a Parigi ove rimase tre anni per imporre a quella nazione l'accettazione dei canoni tridentini proprio in un periodo assai burrascoso in S. Marco a Venezia.
Compra un documento araldico su Ragazzone

Per informazioni non esiti a contattare il nostro esperto Araldico:

Stemma della famiglia: Ragazzone

Blasone della famiglia

D'azzurro allo scaglione rovesciato d'oro accompagnato in capo da una rosa al naturale stelata e fogliata di verde sormontata da due gigli d'oro ed in punta da tre soli dello stesso.
Compra una riproduzione dello Stemma

Heraldrys Institute of Rome on Facebook

Heraldrys Institute on Facebook
© 2016 - 2017 Heraldrys Institute of Rome

Social Network

Heraldrys Institute on Facebook