EU Avviso cookies: Questo sito fa uso dei cookies per migliorare la sua esperienza. Se non li gradisse può inibirne l'uso regolando il suo browser nella sezione strumenti e modificando le impostazioni dei cookies. Informazioni sulla privacy. Non Accetto
OK Accetto Chiudi questo avviso.
  1. Home
  2. Ricerca Cognome
  3. Risultato della Ricerca
  4. Origine del cognome

Origine del cognome Raolucci, provenienza: Italia

Titolo: Marchesi - Nobili
Traccia araldica della famiglia: Raolucci
Corona nobiliare Raolucci Antica e nobile famiglia, trasferitasi, così sembra , da Todi a Perugia e a Spello. Da Perugia poi il ramo primogenito si stabilì a Pesaro ed indi a Modena. Soltanto il titolo di curiosità, ricorderemo la leggenda secondo la quale sarebbero discesi da Paoluccio Anafesto, primo Doge di Venezia, e così pure l'altra che li riallaccia ad un Paoluccio d'Agato o di Agatone, che secondo antichi Annali avrebbe rappresentato la città di Perugia in una vertenza di confini sorta fra le tre città di Todi, di Perugia e di Spoleto (760). Notizie sicure riguardanti questa famiglia non si hanno prima della metà del secoli XIII; da allora la sua genealogia è accertata da documenti e si inizia con un Pavoluccio vivente in quei tempi a Perugia e bisavolo di Angelo, di Ceccoli, creato conte palatino da Sigismondo, re dei Romani (4 ottobre 1414). Pavoluccio, figlio del predetto Angelo, l'anno... Continua

1482, coi figli ed altri della stessa famiglia, venne aggregato al patrio Collegio dei Nobili della Mercanzia. Da costui nacquero Federico e Marziano, i quali furono possessori di doviziosi beni di fortuna, patroni particolari di chiese, cappelle ed altari, e appartennero al Magistrato detto dei Decemviri (1495, 1503, 1504). Da un Francesco Raolucci, detto Sozio (vivente nel 1447) discese la nobile famiglia dei Sozi. Altro ramo. Derivata dalla celebre famiglia dei Calboli prese il nome di Raolucci da un Paoluccio de Calboli che grandemente illustrò la famiglia, la quale vanta molti illustri personaggi che divennero assai chiari esercitando da prodi il mestiere delle armi, coltivando le scienze e le lettere, e servendo la patria e la Chiesa, cui dettero due vescovi e due cardinali. Due vestirono l'abito dell'ordine militare di S. Stefano di Toscana, Paoluccio e Giulio. Questi fu conte del S. R. I. ed entrò nell'ordine il 24 febbraio 1595; l'altro militò sotto le insegne di Venezia e si segnalò nella famosa battaglia delle Curzolari, e quindi nella difesa di Cattaro contro i Turchi nel 1592, e passato inseguito agli stipendi dell'Impero, fece prodigi di valore all'impresa di Giavarino in cui rimase gravemente ferito. Verso la metà del secolo XV i fratelli Paoluccio, Francesco, Antonio e Ludovico figli di Cecco P. divisero la famiglia in 4 rami. Il primo continuò quella di Forlì, Francesco dette origine al ramde i quali 4 restarono a Forlì, due a Venezia e uno a Ferrara.


Compra un documento araldico su Raolucci

Per informazioni non esiti a contattare il nostro esperto Araldico:

Stemma della famiglia: Raolucci

Blasone della famiglia

D'oro, all'orso rampante al naturale.
Compra una riproduzione dello Stemma

Heraldrys Institute of Rome on Facebook

Heraldrys Institute on Facebook
© 2016 - 2017 Heraldrys Institute of Rome

Social Network

Heraldrys Institute on Facebook