1. Home
  2. Ricerca Cognome
  3. Risultato della Ricerca
  4. Origine del cognome

Origine del cognome Romari, provenienza: Italia

Titolo: Nobili
Traccia araldica della famiglia: Romari
Corona nobiliare Romari Antica e nobile famiglia, originaria della Romagna. Il commendator G.B. di Crollalanza riporta la blasonatura di questa famiglia nei volumi del suo Dizionario storico blasonico delle famiglie nobili e notabili italiane. Molte famiglie posero la loro dimora in Bologna, perchè considerata ne' tempi più remoti famosa trà le Repubbliche, per il valore de' suoi Capitani, per la dottrina de' suoi Giureconsulti, per i molti Rettori di diverse città, e per l'autorità de' suoi Magistrati. Le memorie di alcune famiglie che per avventura si conservano con decoro, e che ne' tempi antichi hanno al di lei splendore cooperato; e benchè il tempo distruggitor del tutto abbia frà le rovine, incendi de gl'Archivi in diverse congiunture, e per le discordie civili, e per l'invasione de' barbari consumate in gran parte le scritture avanti il 1260, pur tuttavia la famiglia ha diligentemente conservato diverse pergamene, e trattati appartenuti a questa sua casata.
Compra un documento araldico su Romari

Per informazioni non esiti a contattare il nostro esperto Araldico: tel. +39 393 2258835 (orario 10-18) , Sms 24h/24

Stemma della famiglia: Romari

Blasone della famiglia

Inquartato: nel primo d'oro all'aquila coronata di nero carica in cuore della mezzaluna montante d'argento; nel secondo di rosso alla croce patriarcale d'argento; nel terzo di azzurro alla torre di due palchi d'argento, aperta e finestrata di nero; nel quarto d'oro al leone di nero, coronato del campo. Sul tutto partito di rosso alla fascia d'oro, e d'oro pieno (Diploma 29 gennaio 1853, riconoscimento D.M. 5 aprile 1926).
Citato in "Enciclopedia Storico-Nobiliare Italiana di V. SPRETI" .
Compra una riproduzione dello Stemma

Heraldrys Institute of Rome on Facebook

Heraldrys Institute on Facebook
© 2016 - 2017 Heraldrys Institute of Rome

Social Network

Heraldrys Institute on Facebook