EU Unsere Cookies: Wir Sie, dass diese Website Verwendung von technischen und statistischen Cookies einschließlich Dritte Cookies macht. Sie können die Nutzung durch eine entsprechende Einstellung Ihrer Browser-Einstellungen Cookies hemmen. Privacy.
No Ich akzeptiere nicht
Ja, Schließen Warnung.
  1. Home
  2. Suche Nachnamens
  3. Suchergebnis
  4. Herkunft des Familiennamens

Herkunft des Familiennamens Salleuce, Herkunftsland: Italia

Adelsstand: Marchesi
Heraldische Spur die Familie: Salleuce
Krone des Adels Salleuce
Famiglia oriunda da Tournon, nella Tarenatasia, che si illustrò con egregi personaggi che ebbero altissime cariche presso i sovrani Sabaudi. Capostipite noto è Pietro, il quale giurò nel 1576 fedeltà al Duca di Savoia. Nell'atto di Omaggio è qualificato nobile. Suo figlio Eustacchio, fu commissario ducale e notaio. Sposò nel 1578 una damigella Fourrier e da queste nozze nacque fu nobilitato col figlio Antonio il 20 aprile 1634 (conferma 18 dicembre 1639) per i servizi prestati al Duca di Savoia in specie nell'assedio di Vercelli. Antonio, detto "de la Tour", fu capitano di fanteria al servizio Sabaudo distinguendosi specialmente nell'assedio di Verrua. Sposò Gasparda del nobile Claudio de Cerisier e fu suo figlio, fra gli altri, Filiberto (battezzato 12 febbraio 1643; deceduto a Tourton, 8 dicembre 1708), che fu presidente della Camera dei Conti, consigliere di S. A., ministro e segretario di Stato per gli affari di guerra (1699). Essendo... Fortsetzung folgt
abilissimo fu impiegato in trattative diplomatiche e nella sua qualità di ambasciatore a La Hayne partecipò al Congresso di Ryswich (1697). Acquistò dai Gesuiti il 7 luglio 1688 la signoria di Bourdeau, di cui fu infeudato col titolo baronale, e l'8 settembre 1700 fu infeudato col titolo marchionale di Cordon e Combloux (interinazione 29 aprile 1703). Sposò (1704) Margherita di Vittorio Emanuele Bertrand de la Pèrouse e da queste nozze nacque Giuseppe Francesco (nato a Tourton 7 marzo 1706; deced. 1779), che fu ambasciatore in Spagna, governatore della città e provincia di Asti, e comandante generale del ducato di Savoia. Acquistò il 18 ottobre 1755 il feudo di Chevron da suo cognato il conte Valperga, di cui fu investito il 6 febbraio 1756 col titolo baronale. Suo figlio primogenito Vittorio Amedeo (nato il 24 febbraio 1726; deceduto a Torino, 24 gennaio 1800), che morì senza lasciare discendenza, seguì con onore la carriera delle armi raggiungendo il I° aprile 1789 il grado di tenente generale. Fu pure ministro all'Aja, inviato straordinario a Londra (1774) e ambasciatore a Parigi (1788). Continuò la linea Giuseppe Maria Amedeo (Chambery, 31 marzo 1732; deceduto a Torino, 23 marzo 1820), che fu tenente generale di cavalleria (1794) e governatore di Novara (1799). Il 13 novembre 1790 fu creato cavaliere della SS. Annunziatal 19 gennaio 1858), che, come ufficiale di cavalleria, combattè nella guerra delle Alpi; servì poi in Austria, quindi in Inghilterra.
Kaufen Sie eine heraldische Dokument auf Familie Salleuce

Bitte für weitere Informationen oder Fragen zögern Sie nicht, kontaktieren Sie uns:

Familien-Wappen: Salleuce

Blasonierung die Familie

Partito di nero e di verde, al cavallo d'argento, spaventato, attraversante.
Kaufen Familien-Wappen

Heraldrys Institute of Rome on Facebook

Heraldrys Institute on Facebook
© 2016 - 2017 Heraldrys Institute of Rome

Social Network

Heraldrys Institute on Facebook