EU Avviso cookies: Questo sito fa uso dei cookies per migliorare la sua esperienza. Se non li gradisse può inibirne l'uso regolando il suo browser nella sezione strumenti e modificando le impostazioni dei cookies. Informazioni sulla privacy. Non Accetto
OK Accetto Chiudi questo avviso.
  1. Home
  2. Ricerca Cognome
  3. Risultato della Ricerca
  4. Origine del cognome

Origine del cognome Salvetto, provenienza: Italia

Titolo: Cavalieri - Nobili
Traccia araldica della famiglia: Salvetto
Corona nobiliare Salvetto Famiglia originaria da Pistoia, trasferitasi poi in Firenze, dove, nel 1435 e nel 1444, Tommaso, di ser Jacopo, fu dei priori per le arti maggiori, onore goduto anche dal figlio di lui, Salvetto, nel 1462, e da altri suoi discendenti. Gregorio, figlio di Salvetto, si condusse ad abitare in Palaia, dove peraltro il figlio di lui, Jacopo, nell'estimo del 1561, continua a dichiararsi "cittadino fiorentino". Nel successivo estimo del 1564 a fianco del nome di Pietro, di Jacopo, leggesi l'annotazione "sta a Volterra"; ed anche in questa città i discendenti di Pietro furono ammessi agli onori, e Niccolò, di Lorenzo, vi fu dei priori nel 1734. Lino, del predetto Niccolò, Auditore della Ruota fiorentina, ottenne l'ascrizione alla nobiltà di Volterra, con decreto 9 maggio 1757, e quella al patriziato fiorentino con decreto 27 gennaio 1777. La famiglia è iscritta nell'Elenco Ufficiale Nobiliare Italiano coi titoli di nobile di Volterra (mf.)... Continua
e patrizio di Firenze (mf.), in persona di Lino, di Pietro, di Lino. Figlia: Maria. Sorella: Giuseppa in Morini. Altro ramo. Fin dal XIV secolo appare fra le più autorevoli di Pistoia, in cui molti de' suoi membri sostennero le primarie cariche. Fra essi ricorderemo un Jacopo di Bonacorso Salvetto che, nel 1404, fu eletto capo dei signori priori; un Paolo che nel 1397 fu nominato podestà di Lamporecchio; un Donato-Andra che nel 1405 fu uno dei sedici deputati della città; ed un Marco che nel 1426 fu uno dei prori. Un ramo di questa famiglia, nel XVI secolo, noi troviamo stabilito in Firenze, dove ebbe i più alti uffici della repubblica. Difatti un Antonio, di Giuliano Salvetto nel 1524 fu uno dei Signori; un Francesco nel 1555 fu uno dei dodici buoni uomini detti di collegio; ed un Giuliano nel 1560 fu ufficiale d'onestà. Altri rami si sono trapiantati nella città di Volterra, in Rosignano, in Bagno di Romagna, a Zernetz e a Samaden nel paese dei Grigioni.

Compra un documento araldico su Salvetto

Per informazioni non esiti a contattare il nostro esperto Araldico:

Stemma della famiglia: Salvetto

Blasone della famiglia

D'argento alla croce di azzurro.
Monaco di Liguria e Campania. Fonte: "Enciclopedia Storico-Nobiliare Italiana di V. SPRETI", vol. IV p.632.
Compra una riproduzione dello Stemma

Heraldrys Institute of Rome on Facebook

Heraldrys Institute on Facebook
© 2016 - 2017 Heraldrys Institute of Rome

Social Network

Heraldrys Institute on Facebook