1. Origine del cognomeSantagostino, provenienza: Italia

    Titolo: Conti
    Traccia araldica della famiglia:Santagostino
    Corona nobiliare Santagostino
    L'illustre famiglia Santagostino, di origine spagnuola, si stabilì nell'isola di Malta molto prima che questa fosse sottoposta al dominio dei cavalieri di S. Giovanni di Gerusalemme. Ebbe cariche ed uffici eminenti nella nuova patria, ed i suoi membri servirono con talento e fedeltà l'Ordine Gerosolim., e molti si segnalarono per valore sui campi di battaglia in difesa dell'isola contro i Musulmani ed in mare contro i pirati dell'Africa, e per rara capacità negli uffici di lord-luogotenente, di governatore ecc. Publio-Maria fu primo vescovo di Lavada, poi di Malta, ed infine Arciv. di Rodi. Da Federico d'Aragona re di Sicilia, con diploma del 12 Novembre 1372, i Santagostino furono dichiarati baroni di Gariescem e Tabia, feudi nell'isola e confermati dal Gran Maestro dell'Ordine Gerosolim. Lascaris de Castellar il 14 Aprile 1638. L'Imperatrice Maria-Teresa, con diploma 30 Marzo 1768, li nominò baroni Fournier de Pausier, per l'Impero Austriaco, e con altro... Continua

    diploma della stessa sovrana del 26 Gennaio 1770 furono creati conti Fournier,ed infine con sovrana risoluzione del 22 Dicembre dello stesso anno furono insigniti del titolo di conti Santagostino trasmissibile ai primogeniti.Motto della famiglia:Modicum,sed sat est mihi.La presenza del motto e dell'arma nella bibliografia documentata della famiglia Santagostino ci conferma l'avita nobiltà raggiunta dalla casata.


    Compra un documento araldico su Santagostino

    Per informazioni non esiti a contattare il nostro esperto Araldico:

    Stemma della famiglia: Santagostino

    Blasone della famiglia

    Troncato:nel primo d'azzurro al leone passante d'oro coronato del medesimo;nel secondo d'oro, a tre legni verdi nodosi posti in fascia, e la fascia di rosso attraversante sulla troncatura.
    Lavaggi di Augusta e Palermo. Fonte: "Enciclopedia Storico-Nobiliare Italiana di V. SPRETI", Vol. IV pag. 69.
    Compra una riproduzione dello Stemma

    Heraldrys Institute of Rome on Facebook

    Heraldrys Institute on Facebook
©2016-2017 Heraldrys Institute of Rome