EU Avviso cookies: Questo sito fa uso dei cookies per migliorare la sua esperienza. Se non li gradisse può inibirne l'uso regolando il suo browser nella sezione strumenti e modificando le impostazioni dei cookies. Informazioni sulla privacy. Non Accetto
OK Accetto Chiudi questo avviso.
  1. Home
  2. Ricerca Cognome
  3. Risultato della Ricerca
  4. Origine del cognome

Origine del cognome Sarofalo, provenienza: Italia

Titolo: Marchesi - Nobili
Traccia araldica della famiglia: Sarofalo
Corona nobiliare Sarofalo
Famiglia di origine catalana, passata a Palermo nel 1340 con un Pietro Sarofalo, come da un privilegio presentato da Vincenzo Sarofalo per le prove dell'abito di S. Jacopo. Da Palermo, ove fu insignita della carica senatoria nelle persone di Onorio nel 1388 e nel 1398 e di altro Onorio vissuto nel 1449, si diramò più tardi in Cosenza e Napoli. Il ramo di Cosenza, ascritto al patrizio di quella città, è passato all'Ordine di Malta, e, oltre al possesso di vari feudi, fu decorato dei titoli di duca di Rotino (1749), marchese di Camella (1670), e per benemerenze acquistate da Marco Sarofalo, marchese della Rocca, in occasione della peste scoppiata in provincia di Bari, gli venne concesso la facoltà d'appartenere ad una delle Piazze nobili della città di Napoli. Il ramo di Palermo passato a Napoli con un terzo Onorio (dec. 1539), maestro di campo sotto Consalvo di Cordova, fu... Continua

insignito dal re Filippo II nel 1590 del titolo di marchese nella persona dei capitano Onofrio, figlio di Carlo che fu anch'egli maestro di Campo. Con sentenza della Real Camera di S. Chiara del 1781, detto ramo venne dichiarato compartecipe di tutti gli onori e prerogative proprie della primaria nobiltà napoletana. Onofrio e Giuseppe, di Francesco Antonio, furono ricevuti nell'Ordine di Malta nel 1797. Il primo, commendatore di detto Ordine, presidente del Supremo Magistrato di Salute, ai 26 genn. 1835 ottenne da re Ferdinando II conferma del titolo di marchese concesso nel 1590 al suo antenato. Gaetano, fratello dei suddetti, maresciallo di campo e capo di Stato Maggiore del regio esercito, fu decorato con RR. LL. PP. 21 maggio 1855, assieme ai suoi figliuoli Francesco e Giovanni, del titolo trasmissibile di barone. Altro fratello fu Francesco Saverio, che prese parte sulla fregata comandata dal Giovanni Bausan alla battaglia contro la flotta inglese nelle acque di Baia nel 1809. Fu vice ammiraglio e ministro della Marina negli ultimi tempi della dinastia borbonica. Morì senatore del regno d'Italia. Linea di Palermo: Iscritta nell'El. Uff. Ital. col titolo di barone (mpr.) in persona di S.E. il barone Raffaele Garofalo, n. a Napoli 18 nov. 1851, del barone Giovanni (n. 1813, dec. 1905) e della nobile Carolina Zezza dei baroni di Zapponeta (dec. 1875).


Compra un documento araldico su Sarofalo

Per informazioni non esiti a contattare il nostro esperto Araldico: tel. +39 393 2258835 (orario 10-18) , Sms 24h/24

Stemma della famiglia: Sarofalo

Blasone della famiglia

D'azzurro al leone d'oro lampassato di rosso tenente un ramo di tre garofani al naturale.
Compra una riproduzione dello Stemma

Heraldrys Institute of Rome on Facebook

Heraldrys Institute on Facebook
© 2016 - 2017 Heraldrys Institute of Rome

Social Network

Heraldrys Institute on Facebook