1. Origine del cognomeSoldano, provenienza: Italia

    Titolo: Nobili - Signori
    Traccia araldica della famiglia:Soldano
    Corona nobiliare Soldano
    Assai antica ed illustre famiglia fiorentina, con residenza in Santa Croce, nel Gonfalone Lion nero, la quale era annoverata tra quelle dette "di primo cerchio", note in Firenze sin dai tempi consolari. Soldano di Bonaccorso combattè alla battaglia di Montaperti nel 1260 e lasciò il nome alla sua casa, la quale dal 1343 al 1488 dette alla Repubblica un gonfaloniere e tredici priori. Il senatore Jacopo, di Bernardo, valente nelle lettere nel XVII secolo, fu ajo del cardinale Leopoldo de' Medici, e Filippo, su figlio, fu Vescovo di Fiesole. Con la morte del suddetto Jacopo, avvenuta nel 1674, si spense questa casa, i cui beni passarono nelle famiglie Panciatichi e Macinghi. La famiglia levò per arme. D'argento, alla banda diminuita di rosso, accostata da sei rose dello stesso ordinate tre per lato (oppure in cinta). Alias. D'argento, alla banda di rosso, accostata da 6 rose dello stesso poste in orlo... Continua

    3 e 3.Altro ramo.Antica famiglia oriunda di Montevarchi,la quale,nel 1639,riuscì a dimostrare la propria discendenza dai Benzi,signori di Lucolena,tanto che,dopo aver posto dimora in Firenze,nel Quartiere Santa Croce,al Gonfalone Ruote,assunse il doppio cognome "Soldani Benzi".A tal casato appartenne il celebre Massimiliano Soldani Benzi(Montevarchi,Luglio 1656-Montevarchi,23 febbraio 1740,pittore e scultore italiano,sul quale il Pellegrino Antonio Orlandi scrisse:"Per i suoi Principi parimenti fece opere varie d'oro e di bronzo, per Principi oltrarnontani gruppi, bassi rilievi e statue, e per tutto fece risonare glorioso il suo nome".La famiglia levò per arme.Inquartato:nel 1° d'argento, a due fasce alzate d'azzurro;nel 2° partito,a/ d'azzurro, al delfino guizzante in palo d'oro, b/ fasciato increspato d'azzurro e d'oro;nel 3° d'azzurro, a tre fasce d'oro caricata ciascuna di tre rose di rosso;nel 4° d'argento, allo scaglione riverso di rosso. Alias. Idem, e alla bordura dentata d'argento.Il 1° quarto è l'arma dei Benzi, il 2° quello della famiglia da Figline, il 3° dei Soldani ed il 4° del Castello di Figline. Altro ramo. Famiglia di Iglesias di origine toscana le cui notizie risalgono al secolo XIV. All'avvento degi aragonesi si legò a loro,un Salvatore che fu camerlengo di Iglesias e che,nel 1338,ebbe alcuni feudi nel Sulcis.Allo stesso,scomparso nel 1345,successero i figli Tano e Eurino,che però morirono entro la seconda metà del secolo.Altro ramo.Antica famiglia fiorentina,con residenza in San Giovanni,nel Gonfalone Vaio,originariamente detta "Soldani da Poppi".Nel 1684,però,la famiglia lasciò la specificazione della provenienza "di Poppi",per assumere il cognome "Soldani di Soldano".La famiglia levò per arme.D'azzurro, alla banda d'oro sostenente un leone leopardito dello stesso,e caricata di cinque rose di rosso.I cognomi così antichi,senza dubbio alcuno,rendono decoro non solo alle famiglie ma anche alle città che li hanno accolti;pare siano,infatti,molto riguardevoli i soggetti viventi di questa famiglia che,con tanto decoro,sostentano questo nobile cognome,che ha avuto vari soggetti illustri.


    Compra un documento araldico su Soldano

    Per informazioni non esiti a contattare il nostro esperto Araldico:

    Stemma della famiglia: Soldano

    Blasone della famiglia

    D'argento, alla banda diminuita di rosso, accostata da sei rose dello stesso ordinate tre per lato (oppure in cinta).
    Compra una riproduzione dello Stemma
    Heraldrys Institute on Facebook
© 2016 - 2017 Heraldrys Institute of Rome
900){cwidth=cheight="80%"}else if(screen.availWidth>470){cwidth=cheight="90%"}else{cwidth="90%";cheight="60%"}$("[rel^='img-']").colorbox({photo:!0,width:cwidth,height:cheight});$(".spin").click(function(event){spinner()});$("[rel='buy']").click(function(event){event.preventDefault();spinner();href=$(this).attr('href').replace("/buy",urmod+"cart.php");$.get(href,function(data){location.replace('/buy/?'+$.now())})})});function spinner(){};function spinner_end(){$('#spinner_one').hide()};function onsubmit_validate_field(name,minlength,email,compareTo){value=$('#'+name).val();length=value.length;if(minlength&&length0){if(minlength&&lengthi?e+i:i}function a(t,e){return Math.round((/%/.test(t)?("x"===e?E.width():o())/100:1)*parseInt(t,10))}function s(t,e){return t.get("photo")||t.get("photoRegex").test(e)}function l(t,e){return t.get("retinaUrl")&&i.devicePixelRatio>1?e.replace(t.get("photoRegex"),t.get("retinaSuffix")):e}function d(t){"contains"in x[0]&&!x[0].contains(t.target)&&t.target!==v[0]&&(t.stopPropagation(),x.focus())}function c(t){c.str!==t&&(x.add(v).removeClass(c.str).addClass(t),c.str=t)}function g(e){A=0,e&&e!==!1&&"nofollow"!==e?(W=t("."+te).filter(function(){var i=t.data(this,Y),n=new r(this,i);return n.get("rel")===e}),A=W.index(_.el),-1===A&&(W=W.add(_.el),A=W.length-1)):W=t(_.el)}function u(i){t(e).trigger(i),ae.triggerHandler(i)}function f(i){var o;if(!G){if(o=t(i).data(Y),_=new r(i,o),g(_.get("rel")),!U){U=$=!0,c(_.get("className")),x.css({visibility:"hidden",display:"block",opacity:""}),I=n(se,"LoadedContent","width:0; height:0; overflow:hidden; visibility:hidden"),b.css({width:"",height:""}).append(I),j=T.height()+k.height()+b.outerHeight(!0)-b.height(),D=C.width()+H.width()+b.outerWidth(!0)-b.width(),N=I.outerHeight(!0),z=I.outerWidth(!0);var h=a(_.get("initialWidth"),"x"),s=a(_.get("initialHeight"),"y"),l=_.get("maxWidth"),f=_.get("maxHeight");_.w=Math.max((l!==!1?Math.min(h,a(l,"x")):h)-z-D,0),_.h=Math.max((f!==!1?Math.min(s,a(f,"y")):s)-N-j,0),I.css({width:"",height:_.h}),J.position(),u(ee),_.get("onOpen"),O.add(F).hide(),x.focus(),_.get("trapFocus")&&e.addEventListener&&(e.addEventListener("focus",d,!0),ae.one(re,function(){e.removeEventListener("focus",d,!0)})),_.get("returnFocus")&&ae.one(re,function(){t(_.el).focus()})}var p=parseFloat(_.get("opacity"));v.css({opacity:p===p?p:"",cursor:_.get("overlayClose")?"pointer":"",visibility:"visible"}).show(),_.get("closeButton")?B.html(_.get("close")).appendTo(b):B.appendTo("
"),w()}}function p(){x||(V=!1,E=t(i),x=n(se).attr({id:Y,"class":t.support.opacity===!1?Z+"IE":"",role:"dialog",tabindex:"-1"}).hide(),v=n(se,"Overlay").hide(),L=t([n(se,"LoadingOverlay")[0],n(se,"LoadingGraphic")[0]]),y=n(se,"Wrapper"),b=n(se,"Content").append(F=n(se,"Title"),R=n(se,"Current"),P=t('