Heraldrys Institute of Rome
Heraldrys Institute of Rome in Italiano Heraldrys Institute of Rome in English Heraldrys Institute of Rome em Português Heraldrys Institute of Rome auf Deutsche Heraldrys Institute of Rome en Español
  1. Home
  2. Suche Nachnamens
  3. Suchergebnis
  4. Herkunft des Familiennamens

Herkunft des Familiennamens Sozzi, Herkunftsland: Italia

Adelsstand: Nobili
Heraldische Spur die Familie: Sozzi
Krone des Adels Sozzi Antica e nobile famiglia lombarda, originaria di Bergamo. La presenza del motto nella bibliografia documentata della famiglia ci conferma l'avita nobiltà raggiunta della casata. Infatti l'origine del motto risale a circa il XIV secolo e deve essere ricercata in quei detti arguti che venivano scritti sui vessilli o bandiere dei cavalieri, esposti alle finestre delle locande in cui questi alloggiavano, in occasione dei tornei, e durante i tornei stessi. Il motto era un pensiero espresso in poche parole facente allusione a un sentimento palese o nascosto, a una qualità, a un ricordo storico, per stimolo al coraggio o onore. Era scelta dal capo della famiglia, dal cavaliere entrante in lizza o data dal sovrano al proprio uomo ligio. Motto della famiglia: Haec est spes mea. Lo stemma della famiglia Sozzi della Lombardia è: Partito d'argento e di rosso, ad un castello cimato da due torri dell'uno nell'altro, aperto dall'uno all'altro,... Fortsetzung folgt

attraversante sopra un albero sradicato di verde; ciascuna torre sormontata da un gallo dall'uno all' altro, quello a destra rivolto; col capo d'oro, caricato di un' aquila bicipite di nero, ciascuna testa coronata d'oro. Cimiero: Una donna uscente, crinita d' oro, coi capelli sparsi, vestita d'azzurro, e tenente colla destra un calice d'oro davanti al suo corpo. Altro ramo. Antica e nobile famiglia lombarda, originaria di Cremona. Lo stemma della famiglia Sozzi di Cremona è: Spaccato; nel l° d'argento, a tre foglie di verde, moventi da uno stesso stelo, uscente dalla partizione; nel 2° d'argento, a due bande, ciascuna trinciata di verde e di nero; colla fascia di nero, caricata di due stelle di otto raggi d'oro, attraversante sulla partizione. Cimiero: Una testa e collo di drago di rosso, ornata lungo il dosso di una cresta intagliata di verde.


Kaufen Sie eine heraldische Dokument auf Familie Sozzi

Bitte für weitere Informationen oder Fragen zögern Sie nicht, kontaktieren Sie uns:

Familien-Wappen: Sozzi

Familien-Wappen Sozzi

1 Blasonierung die Familie Sozzi

Partito d'argento e di rosso, ad un castello cimato da due torri dell'uno nell'altro, aperto dall'uno all'altro, attraversante sopra un albero sradicato di verde; ciascuna torre sormontata da un gallo dall'uno all' altro, quello a destra rivolto; col capo d'oro, caricato di un' aquila bicipite di nero, ciascuna testa coronata d'oro. Cimiero: Una donna uscente, crinita d' oro, coi capelli sparsi, vestita d'azzurro, e tenente colla destra un calice d'oro davanti al suo corpo.

Blasone della famiglia Sozzi da Bergamo. Fonte bibliografica: "Dizionario storico blasonico delle famiglie nobili e notabili italiane estinte e fiorenti" vol.II, compilato dal Comm. G.B. di Crollalanza, edito presso la direzione del giornale araldico, Pisa 1888.

Familien-Wappen Sozzi

2 Blasonierung die Familie Sozzi

Spaccato; nel l° d'argento, a tre foglie di verde, moventi da uno stesso stelo, uscente dalla partizione; nel 2° d'argento, a due bande, ciascuna trinciata di verde e di nero; colla fascia di nero, caricata di due stelle di otto raggi d'oro, attraversante sulla partizione. Cimiero: Una testa e collo di drago di rosso, ornata lungo il dosso di una cresta intagliata di verde.

Blasone della famiglia Sozzi da Cremona. Fonte bibliografica: "Dizionario storico blasonico delle famiglie nobili e notabili italiane estinte e fiorenti" vol.II, compilato dal Comm. G.B. di Crollalanza, edito presso la direzione del giornale araldico, Pisa 1888.

Kaufen Familien-Wappen

Heraldrys Institute of Rome on Facebook

Heraldrys Institute on Facebook
© 2016 - 2017 Heraldrys Institute of Rome

Social Network

Heraldrys Institute on Facebook