1. Home
  2. Búsqueda apellido
  3. Resultados de la búsqueda
  4. Origen del apellido

Origen del apellido Sporgoli, país de origen: Italia

Nobleza: Conti
Rastro heráldico de la familia: Sporgoli
Corona de la nobleza Sporgoli
Le più antiche notizie sulla famiglia Sporgoli risalgono al 1185, in cui è ricordato un Valterio, che nel 1190 accompagnò Enrico IV nella sua discesa verso Roma. Il 5 gennaio 1231 si trova un accenno a Oluradino in qualità di "miles de genere militum", che appare come vassallo dei conti di Appiano. Non vi è certezza alcuna se i vari rami, di cui si trova cenno nei documenti, discendono da un unico ceppo. E' certo che il capostipite della famiglia odierna è Volcmaro di Burgstall, discendente dagli S. Parchines, stabilitasi in Val Venosta. Egli fu una delle persone più importanti del suo tempo nel principato di Trento; godeva la fiducia dei vescovi e anche quella dei conti di Tirolo, e lo si trova, come "nobilis miles" nel 1312. Nell'anno 1314 egli accompagnò il duca a Francoforte sul Reno per la elezione dell'imperatore e il re Enrico lo nominò suo amministratore.... Continuará
Nel 1317 fu podestà di Riva, nel 1318 capitano vescovile nel Banale, nel 1327 fu inviato come ambasciatore ducale presso l'imperatore Lodovico il Bavaro. Diventato poi anche burgravio di Tirolo, estese i suoi feudi, acquistò la signora di Spor, il castello di Visione, la Rocchetta e la contea di Flavon datagli nel 1334, per i suoi fedeli servigi, dal re Enrico, diventando così il più potente dinasta della valle di Non e del principato. Morto re Enrico, fu scelto a consigliere particolare di Margherita Maultasch e del duca Giovanni, e diresse anche una spedizione contro la Carinzia. Nel 1338 ebbe pure i beni di Gralando di Metz e la giurisdizione di Fai e Zambansa, dopo aver accompagnati il margravio Carlo in una spedizione verso Feltre e dopo essere stato, nel 1336, capitano di quella città. La sua potenza il possesso di beni estesi, di castelli e di piazzeforti, non poterono a meno di eccitargli contro la invidia dei signori sì che egli perdette ogni dominio. Cacciato il duca Giovanni, egli favorì il matrimonio di Lodovico di Brandemburgo con Margherita Maultasch e ne ebbe altri onori; ma pochi mesi dopo, assediato nel suo castello da Corrado di Teck, fu fatto prigioniero e trasportato presso Vipiteno, dove morì nel 1343. Tre anni dopo i figli di lui riebbero unicamente i castelli di Spor e Flacon.

Comprar un documento heráldico de Sporgoli

Para obtener más información o pregunta, por favor no dude contáctenos:

Escudo de la familia: Sporgoli

Blasòn de la familia

Inquartato: nel primo e quarto d'argento al leone di rosso (nel primo punto rivolto), con la coda biforcata, tenente con le branche anteriori una doppia coppa d'oro; nel secondo e terzo scaccato di argento e d'azzurro alla fascia di rosso attraversante.
Spor o Spaur (anche Spori) del Trentino. Citato in "Enciclopedia Storico-Nobiliare Italiana di V. SPRETI", vol VI.
Comprar Escudo de la familia

Heraldrys Institute of Rome on Facebook

Heraldrys Institute on Facebook
© 2016 - 2017 Heraldrys Institute of Rome

Social Network

Heraldrys Institute on Facebook