Heraldrys Institute of Rome
Heraldrys Institute of Rome in Italiano Heraldrys Institute of Rome in English Heraldrys Institute of Rome em Português Heraldrys Institute of Rome auf Deutsche Heraldrys Institute of Rome en Español
  1. Home
  2. Suche Nachnamens
  3. Suchergebnis
  4. Herkunft des Familiennamens

Herkunft des Familiennamens Stacconi, Herkunftsland: Italia

Adelsstand: Conti - Nobili
Heraldische Spur die Familie: Stacconi
Krone des Adels Stacconi
Famiglia di origine bolognese. Gaetano, di Luigi, fu un valente giureconsulto e ricoprì in patria le primarie cariche cittadine. S.S. Gregorio XVI, con Breve 15 marzo 1839, lo creò Conte con i discendenti d'ambo i sessi ed il 12 aprile 1839, con Decreto della Assunteria Araldica di Bologna, venne aggregato alla nobiltà Bolognese. Egli sposò Rosa Loreti ed ebbe Ercole, marito della Marchesa Maria Luigia Bovio Silvestri, figlia del marchese Pietro, ultima dell'antica famiglia Bovio, che ebbe in Bologna Andrea Anziano nel 1670, Antonio Gonfaloniere nel 1673, un altro Antonio Anziano nel 1697 e 1700, Gonfaloniere nel 1704-1712-1722, che risiedette a Roma quale ambasciatore ordinario per la città di Bologna alla Corte di Clemente XIV. La famiglia è iscritta nell'Elenco Ufficiale Nobiliare Italiano del 1933, col titolo di Conte (mf.), Nobile di Bologna (mf.) in persona: di Giulia, di Ercole, in Malvasia Gabrielli Tortorelli. Altro ramo. Un ramo di questa... Fortsetzung folgt
nobile ed antica famiglia pavese passò in Trieste, dove ottenne dall'Imperatore Francesco-Giuseppe, nel giugno 1889 riconoscimento e conferma della sua antica nobiltà.

Kaufen Sie eine heraldische Dokument auf Familie Stacconi

Bitte für weitere Informationen oder Fragen zögern Sie nicht, kontaktieren Sie uns:

Familien-Wappen: Stacconi

Blasonierung die Familie

D'argento al rosaio fogliato e fiorito e nudrito su una zolla, il tutto al naturale.
Kaufen Familien-Wappen

Heraldrys Institute of Rome on Facebook

Heraldrys Institute on Facebook
© 2016 - 2017 Heraldrys Institute of Rome

Social Network

Heraldrys Institute on Facebook