EU Unsere Cookies: Wir Sie, dass diese Website Verwendung von technischen und statistischen Cookies einschließlich Dritte Cookies macht. Sie können die Nutzung durch eine entsprechende Einstellung Ihrer Browser-Einstellungen Cookies hemmen. Privacy.
No Ich akzeptiere nicht
Ja, Schließen Warnung.
  1. Home
  2. Suche Nachnamens
  3. Suchergebnis
  4. Herkunft des Familiennamens

Herkunft des Familiennamens Staziola, Herkunftsland: Italia

Adelsstand: Nobili
Heraldische Spur die Familie: Staziola
Krone des Adels Staziola
Originaria di Lugano, o come altri vogliono di Bergamo, si trapiantò in Venezia per esercitarvi la mercatura. Bartolomeo Stazio nel 1653 fu ammesso alla veneziana nobiltà con tutta la sua discendenza, la quale si estinse nel XVIII secolo, e ne fu erede la nobile famiglia Priuli. Molte famiglie che dimoravano in Venezia appartenevano alla nobiltà. Nel Libro d'Oro della nobiltà veneta e ne il Patriziato Veneto dopo la guerra di Candia e la Serrata del Maggior Consiglio del 1646, eventi questi che lasciarono fama immortale pel grande senno politico e virtù cittadine, troviamo illustre questa famiglia. Sulla scorta di antiche cronache esistenti nella Biblioteca Marciana, e nel R. Archivio di Stato finora inedite; e contrariamente a quanto pubblicò il Freschot nella sua Nobiltà Veneta, le opere sumenzionate sono imparziali riguardo all'origine di talune famiglie, assunte al patriziato veneto. La medesima famiglia fù elevata alla nobiltà per ottimi servigi resi alla... Fortsetzung folgt

patria, o per offerte fatte alla Repubblica per il che vennero ascritti alla veneta nobiltà.


Kaufen Sie eine heraldische Dokument auf Familie Staziola

Bitte für weitere Informationen oder Fragen zögern Sie nicht, kontaktieren Sie uns:

Familien-Wappen: Staziola

Blasonierung die Familie

Sbarrato di rosso e d'oro; col capo d'azzurro, caricato di un giglio d'oro.
Kaufen Familien-Wappen

Heraldrys Institute of Rome on Facebook

Heraldrys Institute on Facebook
© 2016 - 2017 Heraldrys Institute of Rome

Social Network

Heraldrys Institute on Facebook