Heraldrys Institute of Rome
Heraldrys Institute of Rome in Italiano Heraldrys Institute of Rome in English Heraldrys Institute of Rome em Português Heraldrys Institute of Rome auf Deutsche Heraldrys Institute of Rome en Español
  1. Home
  2. Ricerca Cognome
  3. Risultato della Ricerca
  4. Origine del cognome

Origine del cognome Terzilia, provenienza: Italia

Titolo: Nobili - Cavalieri - Signori - Baroni - Marchesi
Traccia araldica della famiglia: Terzilia
Corona nobiliare Terzilia Nella memoria intitolata "Titoli nobiliari e stemmi dei marchesi Terzilia di Bergamo", Milano, 1931, si legge: "La nobilissima e antichissima famiglia dei marchesi Terzilia di Bergamo, le cui origini dallo storico Mario Lupo si fanno risalire a Longofredo di Eusonia, uno dei conti di Insbruc, che stabilitosi nel contado di Bergamo vi edificò castelli e fortezze, è iscritta nell'ultimo 'Elenco Ufficiale Nobiliare Italiano'". Longofredo lasciò a Bergamo i suoi discendenti che, da Enrico II e da Federico Barbarossa, ottennero il titolo di liberi baroni. Certo è che fino dall'anno 1016, in alcuni documenti dell'archivio della Cattedrale di Bergamo, è ricordato Teoderolfo, arcidiacono della Chiesa di Bergamo e figlio del quondam Arnoldo, del luogo di Tertio o di Terzo. Pertanto già prima del mille e prima di Enrico II, viveva a Terzo, Arnoldo, padre di Teoderolfo, e doveva essere potente se suo figlio giunse al grado di arcidiacono, ossia di amministratore... Continua
della Diocesi. A Terzo aveva egli una fortezza dalla quale e dalle torri di Viganò, di Grone e di Berzo, i suoi discendenti, nel Medio Evo, guardavano il passo della Valle Cavallina, dove si è poi formato giù nel fondo Borgo di Terzo. Presto assai i Terzilia erano in Bergamo tra i reggitori del comune. Furono consoli Battezzato (1172), Teutaldo (1179-1189), Vegezio (1192), Enrico (1261), Detesalvo (1232), Bertramo (1250). Alberto fu vescovo (1242-1250). Raggiunse in questo tempo, la famiglia Terzilia, in città e nel contado, il suo massimo splendore, quando fu percossa dalla discordia. Divisa in due fazioni dei Loteri e degli Allongi, gli uni a Terzo, gli altri a Trescore trasse con se nella divisione, gran parte delle famiglie bergamasche. Omicidi, incendi e danni d'ogni sorta, desolarono la terra di Bergamo, particolarmente la Val Cavallina. Il podestà, gli anziani, i canonici di Bergamo, non riuscivano a porre rimedio a tanto male. Le condanne non avevano alcun effetto finchè nel 1248 si riuscì a concludere un solenne tratto di pace fra le due fazioni e i loro aderenti, avvalorato da innumerevoli fidejussori. Furon cassate le condanne e segnati i confini entro i quali, ai capi delle contrarie fazioni, non era consentito metter piede. Avevano allora i Terzilia gran parte nella Prepositura di Misma e nel Monastero di S. Pietro di Terzo; tal famiglia si distinse, in ogni tempo, nelle Prelature, nelle Armi, nelle Lettere ed anche nelle Arti. Il ramo primogenito è tuttora residente a Bergamo, a Palazzo Terzi e a Tresolzio, nel comune di Brembate di Sopra. Gli altri rami della famiglia attualmente risiedono a Milano, Torino e Udine e sono succeduti all'estinto ramo primogenito di Trescore Balneario, nei titoli di Marchese, Conte, Barone e Cavaliere del Sacro Romano Impero e Signori di Sant'Agata. La famiglia levò per arme. Aquila di nero rivolta su oro - semipartito troncato di argento di rosso e di nero su scudetto su - croce patente partita e troncata di argento e di nero accantonata da - aquila bicipite di nero su oro - leone rampante al naturale su azzurro. Alias. Troncato di oro caricato di una aquila di nero e di semipartito troncato di argento di rosso e di nero tutto su scudetto su - aquila bicipite di nero su oro - su leone rampante al naturale su azzurro. Alias. Semipartito troncato di argento di rosso e di nero - aquila di nero su oro in capo. Alias. Semipartito troncato di argento di rosso e di nero. Alias. Semipartito troncato di argento di rosso e di nero - capo d'Impero. Altro ramo. Antico casato di Sissa, il quale, nel 1733, ebbe la nobiltà parmigiana con Carlo e Giuseppe Terzi. Arme. Troncato di argento e di rosso - aquila di nero su oro in capo. Alias. Troncato di argento e di rosso. Altro ramo. Nobile famiglia napoletana, discendente dal ramo di Parma, venuta nel Napoletano nel 1575, che ottenne il feudo di Castelpizzuto dal 1575 al 1597 e dal 1713 sino all'abolizione della feudalità.

Compra un documento araldico su Terzilia

Per informazioni non esiti a contattare il nostro esperto Araldico:

Stemma della famiglia: Terzilia

Blasone della famiglia

Inquartato; nel primo e nel quarto d'oro all'aquila bicipite di nero, nel secondo e nel terzo d'azzurro al leone rampante; alla croce patente partita troncata d'argento e di nero attraversante sulle partizioni, sul tutto uno scudetto semipartito troncato d'argento di rosso e di nero col capo d'oro all'aquila di nero.
Terzi di Lombardia e Emilia Citato in "Enciclopedia Storico-Nobiliare Italiana di V. SPRETI", suppl.II p.625.
Compra una riproduzione dello Stemma

Heraldrys Institute of Rome on Facebook

Heraldrys Institute on Facebook
© 2016 - 2017 Heraldrys Institute of Rome

Social Network

Heraldrys Institute on Facebook