EU Unsere Cookies: Wir Sie, dass diese Website Verwendung von technischen und statistischen Cookies einschließlich Dritte Cookies macht. Sie können die Nutzung durch eine entsprechende Einstellung Ihrer Browser-Einstellungen Cookies hemmen. Privacy.
No Ich akzeptiere nicht
Ja, Schließen Warnung.
  1. Home
  2. Suche Nachnamens
  3. Suchergebnis
  4. Herkunft des Familiennamens

Herkunft des Familiennamens Terzioli, Herkunftsland: Italia

Adelsstand: Nobili - Cavalieri - Signori - Baroni - Marchesi
Heraldische Spur die Familie: Terzioli
Krone des Adels Terzioli
Nella memoria intitolata "Titoli nobiliari e stemmi dei marchesi Terzioli di Bergamo", Milano, 1931, si legge: "La nobilissima e antichissima famiglia dei marchesi Terzioli di Bergamo, le cui origini dallo storico Mario Lupo si fanno risalire a Longofredo di Eusonia, uno dei conti di Insbruc, che stabilitosi nel contado di Bergamo vi edificò castelli e fortezze, è iscritta nell'ultimo 'Elenco Ufficiale Nobiliare Italiano'". Longofredo lasciò a Bergamo i suoi discendenti che, da Enrico II e da Federico Barbarossa, ottennero il titolo di liberi baroni. Certo è che fino dall'anno 1016, in alcuni documenti dell'archivio della Cattedrale di Bergamo, è ricordato Teoderolfo, arcidiacono della Chiesa di Bergamo e figlio del quondam Arnoldo, del luogo di Tertio o di Terzo. Pertanto già prima del mille e prima di Enrico II, viveva a Terzo, Arnoldo, padre di Teoderolfo, e doveva essere potente se suo figlio giunse al grado di arcidiacono, ossia di amministratore... Fortsetzung folgt
della Diocesi. A Terzo aveva egli una fortezza dalla quale e dalle torri di Viganò, di Grone e di Berzo, i suoi discendenti, nel Medio Evo, guardavano il passo della Valle Cavallina, dove si è poi formato giù nel fondo Borgo di Terzo. Presto assai i Terzioli erano in Bergamo tra i reggitori del comune. Furono consoli Battezzato (1172), Teutaldo (1179-1189), Vegezio (1192), Enrico (1261), Detesalvo (1232), Bertramo (1250). Alberto fu vescovo (1242-1250). Raggiunse in questo tempo, la famiglia Terzioli, in città e nel contado, il suo massimo splendore, quando fu percossa dalla discordia. Divisa in due fazioni dei Loteri e degli Allongi, gli uni a Terzo, gli altri a Trescore trasse con se nella divisione, gran parte delle famiglie bergamasche. Omicidi, incendi e danni d'ogni sorta, desolarono la terra di Bergamo, particolarmente la Val Cavallina. Il podestà, gli anziani, i canonici di Bergamo, non riuscivano a porre rimedio a tanto male. Le condanne non avevano alcun effetto finchè nel 1248 si riuscì a concludere un solenne tratto di pace fra le due fazioni e i loro aderenti, avvalorato da innumerevoli fidejussori. Furon cassate le condanne e segnati i confini entro i quali, ai capi delle contrarie fazioni, non era consentito metter piede. Avevano allora i Terzioli gran parte nella Prepositura di Misma e nel Monastero di S. Pietro di Terzo; tal famiglia si distinse, in ogni tempo, nelle Prelature, nelle Armi, nelle Lettere ed anche nelle Arti. Il ramo primogenito è tuttora residente a Bergamo, a Palazzo Terzi e a Tresolzio, nel comune di Brembate di Sopra. Gli altri rami della famiglia attualmente risiedono a Milano, Torino e Udine e sono succeduti all'estinto ramo primogenito di Trescore Balneario, nei titoli di Marchese, Conte, Barone e Cavaliere del Sacro Romano Impero e Signori di Sant'Agata. La famiglia levò per arme. Aquila di nero rivolta su oro - semipartito troncato di argento di rosso e di nero su scudetto su - croce patente partita e troncata di argento e di nero accantonata da - aquila bicipite di nero su oro - leone rampante al naturale su azzurro. Alias. Troncato di oro caricato di una aquila di nero e di semipartito troncato di argento di rosso e di nero tutto su scudetto su - aquila bicipite di nero su oro - su leone rampante al naturale su azzurro. Alias. Semipartito troncato di argento di rosso e di nero - aquila di nero su oro in capo. Alias. Semipartito troncato di argento di rosso e di nero. Alias. Semipartito troncato di argento di rosso e di nero - capo d'Impero. Altro ramo. Antico casato di Sissa, il quale, nel 1733, ebbe la nobiltà parmigiana con Carlo e Giuseppe Terzi. Arme. Troncato di argento e di rosso - aquila di nero su oro in capo. Alias. Troncato di argento e di rosso. Altro ramo. Nobile famiglia napoletana, discendente dal ramo di Parma, venuta nel Napoletano nel 1575, che ottenne il feudo di Castelpizzuto dal 1575 al 1597 e dal 1713 sino all'abolizione della feudalità.
Kaufen Sie eine heraldische Dokument auf Familie Terzioli

Bitte für weitere Informationen oder Fragen zögern Sie nicht, kontaktieren Sie uns:

Familien-Wappen: Terzioli

Blasonierung die Familie

Inquartato; nel primo e nel quarto d'oro all'aquila bicipite di nero, nel secondo e nel terzo d'azzurro al leone rampante; alla croce patente partita troncata d'argento e di nero attraversante sulle partizioni, sul tutto uno scudetto semipartito troncato d'argento di rosso e di nero col capo d'oro all'aquila di nero.
Terzi di Lombardia e Emilia Citato in "Enciclopedia Storico-Nobiliare Italiana di V. SPRETI", suppl.II p.625.
Kaufen Familien-Wappen

Heraldrys Institute of Rome on Facebook

Heraldrys Institute on Facebook
© 2016 - 2017 Heraldrys Institute of Rome

Social Network

Heraldrys Institute on Facebook