EU Avviso cookies: Questo sito fa uso dei cookies per migliorare la sua esperienza. Se non li gradisse può inibirne l'uso regolando il suo browser nella sezione strumenti e modificando le impostazioni dei cookies. Informazioni sulla privacy. Non Accetto
OK Accetto Chiudi questo avviso.
  1. Home
  2. Ricerca Cognome
  3. Risultato della Ricerca
  4. Origine del cognome

Origine del cognome Uarano, provenienza: Italia

Titolo: Marchesi - Baroni - Nobili
Traccia araldica della famiglia: Uarano
Corona nobiliare Uarano Famiglia di antica e nobile tradizione originaria di Vicenza detta Marano o Marani, passata in Napoli nel XVI secolo con un Francesco Antonio, dottor di leggi, sepolto nella chiesa di Sant'Aniello a Caponapoli nel centro antico della città. Suo figlio Domenico fu barone di Pertruro in Principato Ultra nel 1591, quale secondo marito di Laura Ottone Matelica Baronessa di Petruro. Questa mancò ai vivi il 9 aprile 1634 e le successe nei beni feudali il figliuolo primogenito Francesco Antonio, al quale, morto senza prole, successe il fratello secondogenito Rodolfo I. Da questi, dottor di leggi, nacquero Gaetano, primo di tal nome e Nicola. A Gaetano, quale primogenito, con Decreto della Gran Corte dell'11 dicembre 1691 ricaddero i beni feudali del padre, morto il 28 novembre di quell'anno; ed ottenne il titolo di marchese di Petruro con diploma dato in Madrid il 16 giugno detto anno. Al Marchese di Petruro Gaetano... Continua

I successe il figliuolo primogenito Agnello, con Decreto di Preambolo della Gran Corte della Vicaria del 27 maggio 1719. Morto questi senza lasciar prole, la Gran Corte della Vicaria con Decreto del 30 ottobre 1732 dichiarava spettare il titolo di Marchese di Petruro al fratello secondogenito di lui, Rodolfo II, che ottenne l'intestazione di Petruro nel Reale Cedolario il 27 agosto 1735. Rodolfo II morì in Somma Vesuviana il 17 gennaio 1767 e con Decreto di Preambolo del 20 giugno di quell'anno fu dichiarato erede nei feudali il figliuolo primogenito Gaetano, secondo di tal nome che conseguì nel Regio Cedolario l'ultima intestazione della terra di Petruro l'8 ottobre 1772. Di detto Marchese di Petruro Gaetano fu unica figliuola Teresa che dal primo suo matrimonio con Domenico Bonito dei principi di Casapesema, Patrizio Napolitano, ebbe per figliuolo Alessandro nato 25 aprile 1709, morto 4 febbraio 1850; dal quale poi e dalla sua consorte nobile Giovanna Castriota Scanderberg nacque l'11 luglio 1841 Lorenzo Marchese di Petruro che sposò Laura Cadigliani dei Marchesi di S. Mauro e non ebbe figliuoli. La famiglia venne ascritta al Registro dei Feudatari; e venne riconosciuta di nobiltà generosa dalla Regia Commissione dei Titoli di Nobiltà nel 1843 in occasione della pruova degli aspiranti a Regie Guardie del Corpo Gio. Camimllo e Michele Rossi. Fu ricevuta per giustizia nel Sovrano Militare Ordine di Malta il 5 febbraio 1723 come quarto del Venerando Gran Priore Fra Giovan Battista Amalfitani dei Marchesi di Crucoli, di Crotone. Un Alessandro fu marchese del Petruro nel XIX secolo. La famglia alzò per arme: D'azzurro, al leone d'oro, impugnante un flagello del medesimo, frenato, per la criniera da un sinistrocherio vestito di rosso. Diargento a tre fasce di rosso.


Compra un documento araldico su Uarano

Per informazioni non esiti a contattare il nostro esperto Araldico: tel. +39 393 2258835 (orario 10-18) , Sms 24h/24

Stemma della famiglia: Uarano

Blasone della famiglia

D'argento a tre fasce di rosso.
Compra una riproduzione dello Stemma

Heraldrys Institute of Rome on Facebook

Heraldrys Institute on Facebook
© 2016 - 2017 Heraldrys Institute of Rome

Social Network

Heraldrys Institute on Facebook