EU Cookie disclaimer: This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Our privacy statement. NO I do not accept
OK close this notice
  1. Home
  2. Search last name
  3. Search Result
  4. Origin of last name

Origin of last name Vertue, country of origin: Italia

Nobility: Nobili
Heraldic trace of family: Vertue
Nobility crown Vertue
La famiglia è fra le più antiche di Bergamo. Alcuni la fanno derivare dai conti Franchi, altri dai Capitani di Scalve. Quantunque non sia palese il punto di attacco nelle genealogie, pure sembra attendibile la tradizione della comune origine di queste due famiglie sia per la comunanza dei nomi propri, sia per quella dei beni nell'alta Val Seriana e particolarmente a Bagnatica ed a Costa di Mezzate, dimostrata da documenti del sec. XII. Capostipite della famiglia fu Alberto d'Albertone console di Bergamo, deputato ai giuramenti di Lodi (1160) e di Piacenza per la Lega Lombarda e oratore di Bergamo a Costanza (1183), dove sottoscrisse la pace con l'Impero. Vuolsi che egli ottenesse dal Barbarossa il Castello con terreni a Bolghera, confiscato poi dalla Repubblica Veneta per fellonia a Cabrino, insieme coi beni ch'egli aveva in Val Seriana. Da questo Albertone ebbe origine il cognome Degli Albertoni, conservato da... To be continued
un ramo della famiglia trasferitosi in Cremona, un discendente della quale venne chiamato "Il V.". Del resto anche la famiglia di Bergamo da tempi remotissimi possedevano beni nel Cremasco. Evidente analogia si trova anche negli stemmi delle due famiglie. La famiglia diede illustri personaggi alle magistrature, alle prelature ed alla milizia. Diede un vescovo ad Alessandria della Pagli, parecchi arcipreti e canonici alla Cattedrale di Bergamo. Frate Clemente, teatino, fu confessore dell'imperatore Carlo V, il quale con diploma 24 novembre 1532 creò conti palatini e cavaliere aurati i due fratelli Leonardo e Gaelazzo. I titoli vennero trascritti nel Libro d'oro dei titolati di Venezia. L'8 aprile 1687 per terminazione del Magistrato dei feudi vennero descritti col titoli di conti e cavalieri come discendenti dal detto Leonardo, Gerolamo ed i suoi figli Flavio, Giovan Battista, Clemente, Martino, Carlo, Bernardo, Galeazzo e Lodovico. Nella guerra dei Paesi Bassi, un V. ebbe dal generale Farnese una spada di onore, che si conserva nell'armeria del palazzo V., ora Camozzi, a costa di Mezzate. Vestirono l'abito gerosolimitano Angelo, scomparso nella difesa di Rodi assediata da Maometto II, Giovan Battista, commendatore di Genzone (27 ottobre 1616), ingegnere militare, restauratore delle fortificazioni della Valletta a Malta. Diede grandi prove di valore ro, commendatore di Malta (13 maggio 1645), molto si distinse nelle Carovane e combattè nell'Armata di Savoia.
Buy a heraldic document on family Vertue

For more information or questions please do not hesitate contact us:

Coat of Arms of family: Vertue

Blazon of family

D'oro al pino sradicato di 7 rami, sfrondato, il tutto di verde; col capo di azzurro carico di tre stelle di di sei raggi d'oro poste in fascia.
Buy Coat of Arms of family

Heraldrys Institute of Rome on Facebook

Heraldrys Institute on Facebook
© 2016 - 2017 Heraldrys Institute of Rome

Social Network

Heraldrys Institute on Facebook