1. Home
  2. Ricerca Cognome
  3. Risultato della Ricerca
  4. Origine del cognome

Origine del cognome Virolo, provenienza: Italia

Titolo: Marchesi - Patrizi
Traccia araldica della famiglia: Virolo
Corona nobiliare Virolo Famiglia patrizia dogale genovese, detta anche Airolo o Ayrolo, originaria dalla Riviera di Levante e propriamente dal villaggio di Godano presso Lévanto. Pare che già dal sec. XIV fosse in Genova; certamente Benedetto Ayrolo nel 1488 fu dei cittadini genovesi che giurarono la fedeltà al duca di Milano. Nella costituzione del 1528 gli Airoli vennero iscritti nell'albergo Negrone, e poi dettero un doge alla repubblica (1783-85) nella persona di Giovan Battista. Furono senatori Giacomo di Agostino (1599), Luca di Giovan Battista (1610), Giovan Battista di Agostino (1632, 1636, 1645), un altro Giovan Battista di Agostino (1729), Agostino Maria di Giovan Battista (1757), il figlio di costui Giovan Battista (1774) che poi fu il doge. In una linea della famiglia e propriamente nelle persone di Giovanni Maria e del figlio Prospero fu la signoria feudale di Sala (sec. XVII-XVIII). Il 1514 Niccolò giustificò il suo albero genealogico presso il notaro Antonio... Continua

Pastorino. Baldassarre di Giovan Battista di Giovan Geronimo nel sec. XVII passò a dimorare in Ispagna. Giovan Paolo di Bartolommeo di Benedetto il 1660 si fece, con decreto del Senato (28 giugno), riconoscere e trattare da nobile. A Giacomo Filippo sono stati riconosciuto (5 agosto 1902) i titoli di Patrizio genovese (m.) e di Marchese (mpr.). Oltre i già menzionati furono personaggi ragguardevoli i seguenti: Battista, rettore del collegio dei dottori (1496), anziano della repubblica (1502-1505), castellano di Lérici (1506), sindacatore in Corsica (1507) e luogotenente del governatore di quell'isola (1510), podestà di Bonifacio (1519). Giovanni Agostino fu dei consiglieri della repubblica (1576). Nel predetto senatore Giacomo per sua moglie Barbara si estinse la famiglia Piccaluga (sec. XVII). Baldassarre fu capitano di Pieve di Teco (1611-12). Prospero di Giovan Paolo di Bartolomeo di Antonio, sacerdote in Roma nell'ordine dei Filippini, morì in odore di santità (1656) e fu sepolto cola' nella chiesa dei santi Nereo e Achilleo. Padre Paolo di Giovan Paolo di Pellegro, chierico regolare minore, fu vescovo di Carinola (1664). Giovan Francesco di Giovan Tommaso fu cavaliere di Malta (sec. XVII). Giuseppe fu capitano di Pieve di Teco (1795-96). Nell'Elenco ufficiale nobiliare italiano del 1922 furono annotati come del detto Giovan Filippo.


Compra un documento araldico su Virolo

Per informazioni non esiti a contattare il nostro esperto Araldico:

Stemma della famiglia: Virolo

Blasone della famiglia

Di azzurro alla quercia al naturale, terrazzata di verde, sinistrata e sostenuta dal leone rampante di oro.
Citato in "Dizionario storico blasonico delle famiglie nobili e notabili italiane estinte e fiorenti" vol.I-III, compilato dal Comm. G.B. di Crollalanza, edito presso la direzione del giornale araldico, Pisa 1888.
Compra una riproduzione dello Stemma

Heraldrys Institute of Rome on Facebook

Heraldrys Institute on Facebook
© 2016 - 2017 Heraldrys Institute of Rome

Social Network

Heraldrys Institute on Facebook