EU Unsere Cookies: Wir Sie, dass diese Website Verwendung von technischen und statistischen Cookies einschließlich Dritte Cookies macht. Sie können die Nutzung durch eine entsprechende Einstellung Ihrer Browser-Einstellungen Cookies hemmen. Privacy.
No Ich akzeptiere nicht
Ja, Schließen Warnung.
  1. Home
  2. Suche Nachnamens
  3. Suchergebnis
  4. Herkunft des Familiennamens

Herkunft des Familiennamens Zappini, Herkunftsland: Italia

Adelsstand: Marchesi
Heraldische Spur die Familie: Zappini
Krone des Adels Zappini
A questa famiglia S.S. Pio IX nel 1871, in occasione del matrimonio di Mario Zappini con Donna Letizia Ruspoli, figlia di Don Ippolito e di Donna Elisabetta dei Marchesi Pepoli, concesse il titolo di Marchese sulla terra di Castel Delfino. E' iscritto nel Libro d'Oro della Nobiltà Italiana e nell'Elenco Ufficiale Nobiliare Italiano del 1933, col titolo di Marchese (maschio primogenito): Francesco, di Gaetano. La bibliografia di questa famiglia viene menzionata dal Marchese Vittorio Spreti, nella sua Enciclopedia Storico-Nobiliare Italiana stampato in Milano nel 1936. Raccogliendo manoscritti di contenuto araldico e nobiliare-genealogico, tra le biblioteche ed in moltissimi archivi pubblici e privati. Le testimonianze e i documenti raccolti per la formazione dell'opera in questione sono state trasmesse dalla famiglia stessa. Così come risulta dalla Rivista Araldica edita dal Collegio Araldico di Roma.

Kaufen Sie eine heraldische Dokument auf Familie Zappini

Bitte für weitere Informationen oder Fragen zögern Sie nicht, kontaktieren Sie uns:

Familien-Wappen: Zappini

Blasonierung die Familie

Partito: al primo d'azzurro al cervo saliente sopra un monte roccioso sulla campagna verso destra, con un pino nodrito sulla vetta, il tutto al naturale (Guelfi); nel secondo d'azurro alla banda d'oro (Camaiani); sormontata la partizione dal capo d'Angi
Kaufen Familien-Wappen

Heraldrys Institute of Rome on Facebook

Heraldrys Institute on Facebook
© 2016 - 2017 Heraldrys Institute of Rome

Social Network

Heraldrys Institute on Facebook