1. Home
  2. Suche Nachnamens
  3. Suchergebnis
  4. Herkunft des Familiennamens Buronzo

Name: Buronzo

Dossier: 10332
Adelsstand: Signori
Adel in: Italia (Piemonte)
Heraldische Vorschau in: Italiano

Heraldische Vorschau Buronzo

Krone des Adels BuronzoSe ne ànno chiare memorie fino dal secolo XI; come consta dal diploma dell'Imperat. Corrado concesso nel 1028 ad un Buronzo che investì della signoria e quella terra. Possedette ancora il castello di Zumaglia con parte di quelli di Crevacuore, di Sandigliano, Carisio, ed altri. Enrico fu podestà in Vercelli nel 1285; Pietro nel 1436 era senatore del Piemonte, e Carlo-Luigi fu Vescovo di Aqui, poi di Novara, e finalmente Arciv. di Torino. La presenza del motto nella bibliografia documentata della famiglia ci conferma l'avita nobiltà raggiunta della casata. Infatti l'origine del motto risale a circa il XIV secolo e deve essere ricercata in quei detti arguti che venivano scritti sui vessilli o bandiere dei cavalieri, esposti alle finestre delle locande in cui questi alloggiavano, in occasione dei tornei, e durante i tornei stessi. Motto della famiglia: Diuo loue auctore sequimur acta patrum. Lo stemma della famiglia Buronzo è: Spaccato ...

Fortsetzung folgt

Familien-Wappen: Buronzo

Familien-Wappen Buronzo

1 Blasonierung die Familie Buronzo

Blasone della famiglia Buronzo da Vercelli. Fonte bibliografica: "Dizionario storico blasonico delle famiglie nobili e notabili italiane estinte e fiorenti" vol.I, compilato dal Comm. G.B. di Crollalanza, edito presso la direzione del giornale araldico, Pisa 1888.

Spaccato di nero e d'argento, al leone dell'uno nell'altro. Cimiero: Un leone d'argento nascente, armato e linguato di rosso.

Verba Volant, Scripta Manent
(Die Worte fliegen, die Schriften bleiben)
Kaufen Sie jetzt ein professionelles heraldisches Dokument

Kaufe ein Dokument

Betrauen die Geschichte Ihres Familiennamens auf die Heraldik-Profis
Bitte für weitere Informationen oder Fragen zögern Sie nicht, kontaktieren Sie uns:
Email:

Suche Nachnamens


Heraldrys Institute of Rome on Facebook