1. Home
  2. Suche Nachnamens
  3. Suchergebnis
  4. Herkunft des Familiennamens

Herkunft des Familiennamens Detta, Herkunftsland: Italia

Adelsstand: Conti
Heraldische Spur die Familie: Detta
Krone des Adels Detta Originaria spagnola, e fautrice del prin. Garcia, figlio di Ferdinando il Grande, fu costretta verso il 1100 ad emigrare dalla patria, dopo la sconfitta patita da quel principe e rifugiarsi nelle valli del Trentino, e precisamente in quella Lagarina, da dove si trapiantò nelle limitrofe, diramandosi in Rovereto donde passò poi a Riva, a Brentonico e ad Arco. L'arciduca Ferdinando I concesse a questa famiglia, nel 1525 e nel 1545, amplissimi privilegi di familiarità, e l'Imperat. Carlo V nel 1545 confermava ad essa l'antica nobiltà. Per un matrimonio contratto con una Concini di Castel Maggio, il ramo di Arco si trapiantò nel 1555 in detto castello di cui divenne poi proprietario e ne assunse il nome. Sono rimarchevoli un Guglielmo, che seguì Corradino Duca di Svevia e prese parte all'infausta battaglia del Lago di Fucino; un Antonio che nel 1350 militò come ufficiale sotto le insegne di Lodovico di Brandeburgo;... Fortsetzung folgt

Alvisio podestà di Mantova nel 1520; Francesco consigl. prima ed auditore civile in Piacenza, poi presidente del governo della città di Parma, e quindi, in assenza del sovrano, suo rappresentante col titolo di Vice Duca; e Giovanni, medico e teologo, nominato Vescovo e Conte di Trieste verso il 1560. Motto della famiglia: -Mus erminea detam pede comprimit herdam - Quem pene foedari vult magis ille mori - Malo mori quam foedari.


Kaufen Sie eine heraldische Dokument auf Familie Detta

Bitte für weitere Informationen oder Fragen zögern Sie nicht, kontaktieren Sie uns:

Familien-Wappen: Detta

Blasonierung die Familie

D'argento alla fascia sormontata da un lambello di cinque denti, il tutto di rosso.
Kaufen Familien-Wappen

Heraldrys Institute of Rome on Facebook

Heraldrys Institute on Facebook
© 2016 - 2017 Heraldrys Institute of Rome

Social Network

Heraldrys Institute on Facebook