1. Home
  2. Suche Nachnamens
  3. Suchergebnis
  4. Herkunft des Familiennamens Dindia

Name: Dindia

Dossier: 822167
Sprache des Textes: Italiano
Adelsstand: Nobili
Adel in: Italia


Heraldische Spur :
Dindia

Kaufen

Krone des Adels DindiaAntica e nobile famiglia originaria di Sicilia. Varie famiglie omonime si propagarono in diverse regioni d'Italia. Le notizie bibliografiche che ci vengono tramandate sono riconducibili a questa casata di cui ne abbiamo tratto nota. Antica e nobile famiglia originaria di Verona. Altra famiglia alzò per arma. Spaccato; nel primo d'oro, all'aquila di nero, imbeccata e membrata di rosso, coronata d'oro; nel secondo di rosso pieno. Le famiglie forastiere, le quali dopo il 1420 vennero ad abitare in Verona, e che, avendo possedimenti in città o nel territorio, faceansi inscrivere nel campione dell'estimo, quantunque molte tra loro fossero d'origine illustre, pure salvo qualche caso non venivano aggregate al Nobile Consiglio se non dopo un mezzo secolo ed altre dopo cent'anni, e fin dugento, ed anche più. Quelle che fossero state nobili, appena erano ammesse al Consiglio, divenivano tali. Ma non è da credere che tutte abbiano acquistato la nobiltà nell'anno, in ...
Fortsetzung folgt

Wappen Dindia

Familienwappen Dindia

Familienwappen

Troncato nel primo d'oro all'aquila di nero coronata dello stesso: nel secondo di azzurro a tre porci spini al naturale, male ordinati.

Kaufen
Verba Volant, Scripta Manent
(Die Worte fliegen, die Schriften bleiben)
Kaufen Sie jetzt ein professionelles heraldisches Dokument

Jeder Nachname ist eine Geschichte, die erzählt zu werden verdienen
Machen Sie Ihren Familiennamen unsterblich

Kaufe ein Dokument

Suche Nachnamens

Wie man eine vorläufige heraldische Forschung durchführt

In unserem Archiv ist eine Vorrecherche möglich. Rund 100.000 heraldische Spuren, Herkunft der Familiennamen und Adelswappen sind kostenlos erhältlich. Schreiben Sie einfach den gewünschten Nachnamen in das unten stehende Formular und drücken Sie die Eingabetaste.


Heraldrys Institute of Rome on Facebook