1. Home
  2. Suche Nachnamens
  3. Suchergebnis
  4. Herkunft des Familiennamens Eratici

Name: Eratici

Dossier: 823893
Sprache des Textes: Italiano
Adelsstand: Conti - Nobili
Adel in: Italia


Heraldische Spur :
Eratici

Kaufen

Krone des Adels EraticiDi questa stirpe (il cui albero genealogico rimonta ad età anteriore al mille) il primo che nel secolo XIV fu ascritto alla cittadinanza veronese fu il Cav. Cortesia, di cognome Marassi, detto di Serego, dal paese di cui aveva il dominio. Questi sostenne onorevoli ambascerie, fu generale capitano delle truppe Scaligere, marito di Lucia della Scala. Ebbe in dote della Scaligera la terra della Cucca ed altri luoghi, e fu sepolto nella chiesa di S. Anastasia. Nel 1434 i Serego furono creati conti dall'Imperatore Sigismondo, e nel 1774 la contea di Serego fu loro confermata in feudo dalla Veneta Repubblica. Nel 1409 questa casa fu ascritta al Nobile Consiglio Veronese, ed in vari tempi esercitò le più distinte magistrature municipali. Diede vescovi, giudici di Collegio, cavalieri, ambasciatori, consiglieri imperiali ecc. Nel 1583 un ramo di questa famiglia, detta di Serego-Alighieri (perchè ereditò i beni dei pronipoti del sommo poeta), ...
Fortsetzung folgt

Wappen Eratici

Familienwappen Eratici

Familienwappen

Di azzurro al monte di tre cime di verde all'italiana, sostenente un gatto ritto e rivoltato al naturale, accompagnato in capo da tre stelle di 6 raggi d'oro, male ordinate.

Kaufen
Verba Volant, Scripta Manent
(Die Worte fliegen, die Schriften bleiben)
Kaufen Sie jetzt ein professionelles heraldisches Dokument

Ohne Vergangenheit gibteskeine Zukunft
Entdecken Sie die Geschichte Ihres Nachnamens

Kaufe ein Dokument

Suche Nachnamens

Wie man eine vorläufige heraldische Forschung durchführt

In unserem Archiv ist eine Vorrecherche möglich. Rund 100.000 heraldische Spuren, Herkunft der Familiennamen und Adelswappen sind kostenlos erhältlich. Schreiben Sie einfach den gewünschten Nachnamen in das unten stehende Formular und drücken Sie die Eingabetaste.


Heraldrys Institute of Rome on Facebook