Heraldrys Institute of Rome
Heraldrys Institute of Rome in Italiano Heraldrys Institute of Rome in English Heraldrys Institute of Rome em Português Heraldrys Institute of Rome auf Deutsche Heraldrys Institute of Rome en Español
  1. Home
  2. Suche Nachnamens
  3. Suchergebnis
  4. Herkunft des Familiennamens

Herkunft des Familiennamens Giota, Herkunftsland: Italia

Adelsstand: Nobili
Heraldische Spur die Familie: Giota
Krone des Adels Giota Antica e nobile famiglia originaria di Verona. Il commendator G.B. di Crollalanza riporta la blasonatura di questa famiglia nei volumi del suo Dizionario storico blasonico delle famiglie nobili e notabili italiane. Le famiglie forastiere, le quali dopo il 1420 vennero ad abitare in Verona, e che, avendo possedimenti in città o nel territorio, faceansi inscrivere nel campione dell'estimo, quantunque molte tra loro fossero d'origine illustre, pure salvo qualche caso non venivano aggregate al Nobile Consiglio se non dopo un mezzo secolo ed altre dopo cent'anni, e fin dugento, ed anche più. Quelle che fossero state nobili, appena erano ammesse al Consiglio, divenivano tali. Ma non è da credere che tutte abbiano acquistato la nobiltà nell'anno, in cui cominciarono ad appartenergli; parecchie di loro erano tra cui i Giota eran già nobili prima dell'esserci ascritte. Lo stemma della famiglia Giota è: D'argento, ad un artiglio di aquila di verde unghiato... Fortsetzung folgtdi rosso, posto in palo, le unghie in alto; con la fascia di rosso attraversante sul tutto.
Kaufen Sie eine heraldische Dokument auf Familie Giota

Bitte für weitere Informationen oder Fragen zögern Sie nicht, kontaktieren Sie uns:

Familien-Wappen: Giota

Familien-Wappen Giota

1 Blasonierung die Familie Giota

D'argento, ad un artiglio di aquila di verde unghiato di rosso, posto in palo, le unghie in alto; con la fascia di rosso attraversante sul tutto.

Kaufen Familien-Wappen

Heraldrys Institute of Rome on Facebook

Heraldrys Institute on Facebook
© 2016 - 2017 Heraldrys Institute of Rome

Social Network

Heraldrys Institute on Facebook