Heraldrys Institute of Rome
Heraldrys Institute of Rome in Italiano Heraldrys Institute of Rome in English Heraldrys Institute of Rome em Português Heraldrys Institute of Rome auf Deutsche Heraldrys Institute of Rome en Español
  1. Home
  2. Suche Nachnamens
  3. Suchergebnis
  4. Herkunft des Familiennamens

Herkunft des Familiennamens Rosa, Herkunftsland: Italia

Adelsstand: Nobili - Marchesi - Cavalieri
Heraldische Spur die Familie: Rosa
Krone des Adels Rosa
Illustrissima famiglia, originaria della città di L'Aquila, detta Dellarosa, Della Rosa, De Rosa o, più semplicemente, Rosa, nobile fuori Piazza, in Napoli, ascritta al Monte Manso nel 1748, decorata il 18 gennaio 1700 del titolo di marchese, in persona di Carlo Antonio, presidente del Sacro Regio Consiglio; tale titolo poi fu infisso sul feudo di Villarosa (territorio feudale in Principato Citra) come dall'ultima intestazione di detto feudo a Tommaso, il 4 maggio 1768, nel cedolario di detta Provincia. Fu ricevuta, per giustizia, nel S. M. O. di Malta, nel 1766, come quarto della famiglia Palmieri di Napoli (Grande Archivio di Stato Napoli, Priorato di Barletta, volume 29), ed ascritta nel Registro dei cavalieri di Malta di giustizia. La famiglia è iscritta nell'Elenco Ufficiale Nobile Italiano del 1922, col titolo di marchese di Villarosa (mpr.), in persona dei discendenti da Tommaso, di Carlo Antonio; ascritta al Registro di Malta, ed è... Fortsetzung folgt
stata recentemente rappresentata da Emanuele (nato 14 settembre 1857), di Carlo Antonio (nato 28 luglio 1821, defunto 27 giugno 1901) e di Maria Marulli dei duchi d'Ascoli (defunto Napoli I° gennaio 1900). Zio: Francesco Di Paolo, nato Napoli 26 luglio 1826, defunto 6 maggio 1877; sposato: 7 agosto 1853 con Licia Carafa dei principi di Roccella (defunta 3 gennaio 1857); 10 ottobre 1861 con la cognata Francesca Carafa (defunta 25 marzo 1910). Figli (prime nozze): Maria, nata Napoli 28 gennaio 1855, sposata 27 settembre 1875 Napoli 22 dicembre 1855, sposato 4 settembre 1879 con Giovanni dei marchesi Verusio. (Seconde nozze): Tommaso, nato Portici 26 giugno 1862; Anna, nata Napoli 20 novembre 1864; Vincenzo, nato Napoli 14 ottobre 1866, sposato 23 novembre 1908 con Teresa Stanisci, sua cognata, da cui: Francesco D'Assisi, nato in Napoli 18 agosto 1909; Luigi (nato 1911) Luigi, nato Napoli 5 marzo 1868, defunto 26 dicembre 1905, sposato 28 aprile 1902 con Teresa Stenisci, da cui: Francesca di Paolo, nata Roma 19 giugno 1904; Teresa, nata Napoli 2 aprile 1871; Giuseppina, nata Napoli 30 ottobre 1872, defunta 1915; Sposata 30 giugno 1907 al nobile Guido Carrelli; Filippo, capitano d'artiglieria, nata Napoli 18 febbraio 1875, sposato 8 settembre 1913 con Elisabetta Longhi Bracaglia da Frosinone. Arme: D'azzurro, al leone coronato d'oro, colla banda d'argento carica di tre rose di rosso attraversante; col capo d'oro carico d'un'aquila spiegata di nero e coronata del campo. Altro ramo. Antica famiglia tergestina, le cui prime memorie rimontano al XIV secolo. Un Andrea, il quale appare in un atto del 1709, per molti anni fu Suppano di Chiarbola. I cognomi così antichi, senza dubbio alcuno, rendono decoro non solo alle famiglie ma anche alle città che li hanno accolti; pare siano, infatti, molto riguardevoli i soggetti viventi di questa famiglia che, con tanto decoro, sostentano questo nobile cognome, che ha avuto vari soggetti illustri.
Kaufen Sie eine heraldische Dokument auf Familie Rosa

Bitte für weitere Informationen oder Fragen zögern Sie nicht, kontaktieren Sie uns:

Familien-Wappen: Rosa

Familien-Wappen de Rosa

1 Blasonierung die Familie de Rosa

D'azzurro, al leone coronato d'oro, colla banda d'argento carica di tre rose di rosso attraversante; col capo d'oro carico di un'aquila spiegata di nero e coronata del campo.

Rosa, de Rosa o de Rosis; fonte: "Dizionario storico blasonico delle famiglie nobili e notabili italiane estinte e fiorenti" vol.II, compilato dal Comm. G.B. di Crollalanza, edito presso la direzione del giornale araldico, Pisa 1888.

Familien-Wappen Rosa

2 Blasonierung die Familie Rosa

D'azzurro, alla fascia d' oro, accompagnata in capo da tre stelle dello stesso, ed in punta da due piante di rosa di verde, fiorite di rosso.

Rosa di Brescia; fonte: "Dizionario storico blasonico delle famiglie nobili e notabili italiane estinte e fiorenti" vol.II, compilato dal Comm. G.B. di Crollalanza, edito presso la direzione del giornale araldico, Pisa 1888.

Familien-Wappen Rosa

3 Blasonierung die Familie Rosa

D'azzurro, a tre corone pagane infilzate in una cotissa d' oro, posta in banda, con un ramo di rose, movente dalla punta, e spiegante tre rose di rosso, fogliate di verde nel capo, e tre d'argento, fogliate pure di verde nella punta.

Rosa di Brescia; fonte: "Dizionario storico blasonico delle famiglie nobili e notabili italiane estinte e fiorenti" vol.II, compilato dal Comm. G.B. di Crollalanza, edito presso la direzione del giornale araldico, Pisa 1888.

Familien-Wappen della Rosa

4 Blasonierung die Familie della Rosa

D'argento, alla banda di rosso.

della Rosa o de Rose di Saluzzo; fonte: "Dizionario storico blasonico delle famiglie nobili e notabili italiane estinte e fiorenti" vol.II, compilato dal Comm. G.B. di Crollalanza, edito presso la direzione del giornale araldico, Pisa 1888.

Familien-Wappen Rosa

5 Blasonierung die Familie Rosa

Spaccato d' argento e d' azzurro, caricato il primo di una rosa di rosso, stelata e fogliata di verde.

Rosa di Treviso; fonte: "Dizionario storico blasonico delle famiglie nobili e notabili italiane estinte e fiorenti" vol.II, compilato dal Comm. G.B. di Crollalanza, edito presso la direzione del giornale araldico, Pisa 1888.

Familien-Wappen la Rosa

6 Blasonierung die Familie la Rosa

D'azzurro, alla banda d'oro, caricata da tre rose di rosso.

la Rosa della SIcilia; fonte: "Dizionario storico blasonico delle famiglie nobili e notabili italiane estinte e fiorenti" vol.II, compilato dal Comm. G.B. di Crollalanza, edito presso la direzione del giornale araldico, Pisa 1888.

Kaufen Familien-Wappen

Heraldrys Institute of Rome on Facebook

Heraldrys Institute on Facebook
© 2016 - 2017 Heraldrys Institute of Rome

Social Network

Heraldrys Institute on Facebook